Pubblicato "Il diario di Anna Frank" in versione INBook: è il primo di una nuova collana per giovani adulti con disabilità cognitive o linguistiche

22/01/2018
annafrank.JPG

"Caro diario spero di confidarti ogni mio pensiero, come non ho mai potuto fare": inizia così il libro Il diario di Anna Frank, che diventa ora accessibile anche ai giovani adulti con disabilità cognitive o linguistiche per cui i testi tradizionali risultano spesso inavvicinabili.

Il diario di Anna Frank è infatti il primo volume di una nuova collana editoriale nata dalla collaborazione tra edizioni la meridiana, il CDH/Accaparlante di Bologna e l’associazione Arca Comunità "l’Arcobaleno" di Granarolo, sotto la supervisione del Centro Studi INBook.

Al PraT la presentazione del numero di HP-Accaparlante sulla Quinta Parete e gli "spettatori inattesi" a teatro

11/01/2018
cop_quintaparete1.jpg

Cosa succede quando a teatro si reca o si recano uno o più spettatori con disabilità? Quando gli adetti ai lavori e il resto del pubblico presente scoprono degli "spettatori inattesi"?
Venerdì 19 gennaio, alle ore 17.30, presso il PraT, in via del Pratello 53 a Bologna, verrà presentato il numero monografico di HP-Accaparlante dal titolo "La Quinta Parete. Manuale per spettatori inattesi".

Nuovi appuntamenti con Storie per tutti, le letture ad alta voce per bambini, accessibili a tutti

11/01/2018
storie per tutti.JPG

Prosegue la terza edizione della rassegna "Storie per tutti", le letture ad alta voce per bambini dai 3 agli 8 anni, accompagnate da diversi modi di leggere e di ascoltare, per rendere le storie accessibili anche ai bambini con disabilità sensoriali o difficoltà di lettura e di apprendimento.

Prossimo appuntamento è per sabato 13 gennaio alle ore 11, presso la Biblioteca del Centro Documentazione Handicap di Bologna, in via Pirandello 24.

Le parole danno senso alla bellezza del mondo: una raccolta di poesie e foto, omaggio a Fabrizio Galavotti

18/12/2017
fabrizio.jpg

“Le parole danno senso alla bellezza del mondo”. Questo il titolo di un prezioso libro appena pubblicato, piccolo omaggio a Fabrizio Galavotti, le cui parole e ricordo continuano a generare bellezza e senso in chi l’ha conosciuto. Fabrizio è scomparso il 7 ottobre dello scorso anno e Corinna Garuffi, giornalista freelance, ha creato un piccolo libro a scopo benefico, che raccoglie le poesie di Fabrizio e alcuni scatti fotografici da lei realizzati in giro per l’Italia e non solo.

"Mi metto in proprio": quando le persone disabili fanno impresa. Il nuovo numero di HP-Accaparlante porta sul mercato del lavoro

15/12/2017
copertina_undici.JPG

Si intitola "Mi metto in proprio. Quando le persone disabili fanno impresa" il nuovo numero di HP-Accaparlante, la rivista del Centro Documentazione Handicap di Bologna, edita da Quintadicopertina.

Questa volta HP-Accaparlante ci porta all’interno del mondo del lavoro: può una persona con disabilità essere produttiva sul mercato, e contribuire al valore economico di una società?

Biblioteche come avamposto di inclusione: il CDH a "Più Libri Più Liberi"

04/12/2017
copertina_panerose.JPG

Anche il Centro Documentazione Handicap / Cooperativa Accaparlante parteciperà a "Più Libri Più Liberi", la Fiera nazionale della piccola e media editoria che si terrà a Roma dal 6 al 10 dicembre.

In particolare giovedì 7 dicembre, alle ore 16,30, verrà presentato il numero monografico di HP-Accaparlante "Il pane e le rose. Il diritto di leggere: biblioteche come avamposto di inclusione", durante una tavola rotonda che ospiterà Annalisa Brunelli, Giovanna Di Pasquale, Francesca Frediani, Marco Paci, Roberto Parmeggiani, Della Passarelli e Alessandro Riccioni (a cura di Sinnos editrice).

Troppo piccola per dire si

22/11/2017
download (1).jpg

 25 novembre 2017. Nella giornata che celebra la lotta contro la violenza sulle donne, vi regaliamo un romanzo. Vorremmo che lo leggessero tutti, donne, ragazze ma anche uomini e ragazzi, perché a nessuna sia imposto ciò che non vuole e non può accettare.

 “Sono al sicuro: mi chiamo Maisa Azmi, ho appena compiuto quattordici anni, sono nata in Marocco e adesso sono vicentina. Ho rischiato di essere una sposa-bambina. Devo avere il coraggio di dirlo, ad alta voce. Devo farlo per evitare che succeda a qualche altra ragazzina”. Maisa ha tredici anni, vive a Vicenza, va a scuola, gioca a pallavolo.

Condividi contenuti