Al CDH dal 17 aprile si possono trovare i libri accessibili per bambini e ragazzi

14/04/2014
casezanardi-logo-mono.jpg

Dal 17 aprile la biblioteca del Centro Documentazione Handicap, in via Pirandello 24 a Bologna, ha una nuova sezione, quella dedicata ai libri accessibili rivolti ai bambini e ai ragazzi, prevista dal Progetto Librarsi – Case Zanardi.
Come direbbe Daniel Pennac, “La lettura è una compagnia che non prende il posto di nessun’altra, ma che nessun’altra potrebbe sostituire”, i libri infatti possono essere straordinari veicoli per superare solitudini e situazioni di fragilità, permettono l'immedesimazione e l'immaginazione creatrice.

Le iniziative del CDH per "Il maggio dei libri". Aperte le iscrizioni!

11/04/2014
1509218_10203203090463235_242901559_n.jpg

Anche il CDH aderisce a "Il maggio dei libri"! La campagna nazionale, nata nel 2011 con l'obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile, promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e in collaborazione con l'Associazione Italiana Editori, inizia il 23 aprile in coincidenza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore promossa dall'UNESCO e durerà fino alla fine di maggio.

Tante le iniziative in programma a cura del CDH, per alcune delle quali è necessaria l’iscrizione.

"Home sweet Home": esperienze di autonomia abitativa di persone con disabilità nel nuovo numero di HP-Accaparlante

24/03/2014
copHP_2014_marzo (2).jpg

Per le persone con disabilità esiste oggi la possibilità concreta di abitare in modo autonomo fuori dalla famiglia di origine? A questa domanda risponde il nuovo numero monografico di HP-Accaparlante, la rivista prodotta dal Centro Documentazione Handicap di Bologna, edita dalla casa editrice Erickson di Trento, intitolato "Home sweet Home. Percorsi ed esperienze di autonomia abitativa di persone con disabilità".

La Biblioteca del Centro Documentazione Handicap riapre al pubblico: ecco i nuovi orari

07/03/2014
biblioteca.jpg

Martedì 11 marzo la Biblioteca del Centro Documentazione Handicap riapre al pubblico.
La nuova sede è in via Pirandello 24, a Bologna, nel quartiere Pilastro.

Questi gli orari di apertura, al momento provvisori:
martedì 9,30-13,30
mercoledì 9,30-13,30
venerdì 9,30-13,30

Scaffali per la nuova biblioteca del Centro Documentazione Handicap!

trasloco.jpg

Dopo la chiusura a ottobre 2012 della storica sede di via Legnano, a causa dell'inagibilità dei locali per danni all'edificio dopo il terremoto, il Centro Documentazione Handicap, in accordo con il Comune di Bologna, trasloca in una nuova sede, in via Pirandello 24 a Bologna, nel quartiere Pilastro.

Da più di un anno ormai la biblioteca più grande in Italia per numero di libri, riviste e video specializzati sulla disabilità e sulla diversità è chiusa, privando così i cittadini e tutti gli interessati di un importante luogo di conoscenza. Ora finalmente la biblioteca potrà riaprire al pubblico nella nuova sede; il trasloco è già in corso, ma abbiamo bisogno di aiuto per dare ai nostri libri la giusta sistemazione.

Il magico Alvermann: immagini sulla diversità a partire dalla letteratura

10/12/2013
Copertina_magico_Alverman.jpg

Trenta brani scelti per festeggiare i trent'anni della rivista "HP-Accaparlante": è Il magico Alvermann, il nuovo libro a cura del Centro Documentazione Handicap di Bologna, edito dalla Erickson di Trento, con le illustrazioni di Attilio Palumbo.

La storia de Il magico Alvermann è nata sulle pagine di "HP-Accaparlante": si tratta di una rubrica che ha caratterizzato la rivista nel corso dei suoi trent'anni di vita, una rubrica che, attraverso i commenti di brani letterari, ha sempre comunicato la diversità.

Il diversamente cielo, Il messaggero di Sant'Antonio, Aprile 2014

17/04/2014 - Claudio Imprudente
nuvole.jpg

È tempo di risurrezioni, il tempo – riflettevamo insieme un anno fa – in cui il sasso del Sepolcro rotola via, così come i macigni e i pesi delle nostre convinzioni possono scivolare fino ad aprire le porte, fino a farci rinascere. Può accadere anche a chi è più cresciuto, a chi pensa di avere idee e personalità ormai fatte e finite e di averle già viste tutte nella vita. È quello che è accaduto al papà di Miriam – bambina con disabilità –, che ha voluto raccontarmi il suo vissuto.

Condividi contenuti