Gli appuntamenti di settembre di Storie di Pace per tutt*

Tornano le attività e gli appuntamenti di Storie di Pace per tutt*, come sempre al servizio della letteratura e dell’inclusione. Per il mese di settembre sono previsti due importanti eventi: il VI concorso nazionale di editoria tattile illustrata Tocca a te e la prima fiera del libro accessibile Lettori alla pari. Storie di Pace per tutt* organizza due appuntamenti per seguirli da vicino e la presentazione di una video-lettura. Per partecipare basta collegarsi a uno dei social di Storie di Pace per tutt*.

Il primo appuntamento si svolgerà sabato 11 settembre alle 11: si potrà seguire in diretta, dai social di Storie di Pace per tutt* la premiazione del concorso Tocca a te, organizzato dalla Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi Onlus, in collaborazione con la Fondazione Robert Hollman.

Giovedì 16 settembre alle 11, in occasione della fiera Lettori alla pari, Storie di Pace per tutt* intervisterà Elvira Zaccagnino, direttrice di Edizioni La Meridiana (casa editrice promotrice della fiera).

Infine, sabato 18 settembre alle 11 ci sarà la presentazione della video-lettura accessibile tratta dall’albo illustrato di Jerôme Ruillier Por quatro esquinitas de nada Per quattro angoli di niente). La presentazione, in simboli e in LIS, è rivolta ai bambini dai 3 ai 10 anni.

www.storiepertutti.it
www.facebook.com/Storiepertutti

Lettori alla Pari: la prima fiera del libro accessibile e il progetto che promuove il diritto alla lettura per tutti

Come Centro Documentazione Handicap abbiamo sempre creduto molto alla possibilità per tutti di esercitare il proprio diritto alla cittadinanza attiva. Potere leggere e accedere all’informazione e alla conoscenza è uno dei primi passi. L’accessibilità alla lettura è enzima di democrazia e partecipazione, di pari opportunità e dignità.

Per questo ci siamo anche noi dentro al progetto #LettoriAllaPari di edizioni la meridiana, che ci porterà a Terlizzi, in Puglia, dal 17 al 19 settembre, per la prima fiera del libro accessibile!

Lettori alla Pari vuole promuovere, stimolare e far conoscere un’editoria di qualità già attenta e orientata alla pubblicazione di libri accessibili, connettendo biblioteche pubbliche, private, scolastiche, associazioni, librerie e coinvolgendo, con diverse attività in programma, tutti coloro che hanno voglia di leggere e far leggere: bambini, genitori, insegnanti, librai, autori, illustratori, bibliotecari, docenti di sostegno, educatori ma anche amministratori e decisori pubblici. Protagonisti alla pari del progetto sono anche i lettori con disabilità, chiamati in prima persona a collaborare per la costruzione di un progetto affine alle loro esigenze.

Insieme ai tanti partner del progetto lavoreremo anche alla formazione e alla promozione della centralità del lettore e del suo diritto a potere leggere.
In particolare presenteremo la collana di libri in simboli Parimenti e l’ultima uscita A Said piaceva il mare di Roberto Parmeggiani. E ci occuperemo, nei mesi successivi alla fiera, di formazione su come costruire un libro o un testo accessibili a tutti e con diversi codici comunicativi.

Seguiteci su www.edizionilameridiana.it/progetto-lettori-alla-pari o su www.facebook.com/lettoriallapari per scoprire le varie tappe del progetto!

“A Said piaceva il mare”, il nuovo libro della collana Parimenti con i racconti di Roberto Parmeggiani

A Said piaceva il mare è il nuovo libro della collana “Parimenti. Proprio perché cresco” di edizioni la meridiana, pensata per un pubblico di giovani adulti con disabilità linguistiche e cognitive, affinché il piacere della lettura sia davvero per tutti e senza barriere.

Il libro è composto da cinque racconti di Roberto Parmeggiani, educatore, scrittore, presidente dell’associazione Centro Documentazione Handicap e oggi anche sindaco del Comune di Sasso Marconi, alle porte di Bologna.
Protagonisti cinque adolescenti, con le loro storie di vita, i loro dubbi, la voglia di fuggire o di riconoscersi. Al centro tante tematiche, come le migrazioni, il bullismo, l’omosessualità, i primi amori, i social network, lo sport, i rapporti contrastanti con i genitori.

“I racconti nascono da un progetto di antologia per ragazzi – commenta Roberto Parmeggiani – e quando è nata la collana Parimenti c’è stata l’occasione di sceglierne alcuni da tradurre in simboli. Al momento non esistono ancora questi racconti pubblicati nel formato originale, il libro di Parimenti è un unicum per scoprirne cinque”.

I racconti, come anche per gli altri titoli della collana, sono stati prima rivisti con il metodo di scrittura Easy to read, che permette di rendere più semplici dei testi complessi. Poi sono stati tradotti in simboli INBook dal Laboratorio Librarsi, un laboratorio permanente di produzione di libri accessibili della Cooperativa Accaparlante, costituito da educatori e da persone con disabilità, persone che di solito vengono considerate incollocabili nel mondo del lavoro ma che con Librarsi producono beni utili alla collettività e ad altre persone con disabilità.

Il libro è disponibile sul sito della casa editrice, nei maggiori store online ed è ordinabile in qualunque libreria.

Per acquistare A Said piaceva il mare e sfogliarne alcune pagine >>

La collana editoriale Parimenti. Proprio perché cresco nasce da un progetto condiviso tra edizioni la meridiana, il CDH/Accaparlante di Bologna e l’Associazione Arca Comunità “l’Arcobaleno” Onlus di Granarolo (BO). 

Nella stessa collana:

  1. Il diario di Anna Frank
  2. Dracula di Bram Stoker
  3. Giacomo di cristallo e altre storie di Gianni Rodari

Per saperne di più sulla collana >>

Giochi accessibili, animazioni, cacce al tesoro, storie per tutti: è l’Estate al Pilastro del CDH

Cominciano martedì 6 luglio gli eventi organizzati dal Centro Documentazione Handicap /Cooperativa Accaparlante in collaborazione con altre associazioni del territorio nell’ambito dell’Estate al Pilastro. Il Festival del Gazebo previsto per luglio e agosto ospiterà tante realtà associative che proporranno eventi e attività per giovani e famiglie.

Ogni gazebo sarà animato da una delle realtà associative che hanno aderito al progetto e che proporranno diverse attività: gli educatori e animatori con disabilità del Progetto Calamaio (Cooperativa Accaparlante), l’associazione sportiva di rugby I Cinghiali, l’associazione Oriappennino, l’associazione interculturale Universo, l’associazione sportiva Le Club, l’associazione di volontariato Luna Aps, il circolo La Fattoria, l’associazione Senza il Banco, il gruppo aggregativo Bada bene.

Tutti i martedì di luglio e agosto dalle 9.30 alle 12.30 (a partire da martedì 6 luglio) sono previsti momenti ricreativi e di aggregazione sociale a cura di Centro Documentazione Handicap nel parco “Mauro Mitilini, Andrea Moneta e Otello Stefanini”. Nei giovedì di luglio e agosto (a partire da giovedì 8 luglio) verranno proposti dalle 10 alle 12 giochi accessibili, momenti di gioco e movimento per bambini e giovani all’insegna dell’accessibilità fisica e culturale, a cura di Centro Documentazione Handicap, Associazione rugby I cinghiali e Associazione Oriappennino presso il parco di Piazza Lipparini.

Sabato 17 luglio e sabato 7 agosto sono previsti due appuntamenti di Storie per tutti, con letture accessibili di storie con strumenti comunicativi alternativi ai metodi tradizionali e convenzionali, destinati ai bambini e alle famiglie del territorio. Dalle 11 alle 12 al parco di Piazza Lipparini, a cura di Centro Documentazione Handicap.

Sabato 24 luglio e sabato 28 agosto dalle 11 alle 12 si svolgerà una caccia al tesoro sulla biodiversità con il gruppo Progetto Calamaio della cooperativa Accaparlante. Ritrovo presso il parco di Piazza Lipparini.

Tutti gli eventi sono gratuiti. In caso di pioggia le attività si sposteranno sotto i portici davanti allo spazio La Pila in via D’Annunzio 19/A.

Per ulteriori informazioni >>

La locandina >>

 

 

 

“A Said piaceva il mare”: con Ert e la rete di biblioteche specializzate, una serata per presentare il nuovo libro in simboli di Roberto Parmeggiani

Al via InChiostro, la rassegna dell’Arena del Sole che dal 22 giugno al 29 luglio ospiterà una serie di eventi estivi, tra incontri, spettacoli e musica. Sei di questi eventi sono realizzati in collaborazione con Specialmente in biblioteca, la rete delle biblioteche specializzate di Bologna. Sei serate quindi dedicate a libri, letture e biblioteche in collaborazione con alcune librerie della città nell’ambito del Patto per la lettura di Bologna.

I libri – racconti, romanzi, repertori, saggi, libri fotografici – sono stati selezionati tra quelli pubblicati durante tutto il periodo pandemico da autori e autrici di Bologna o in qualche modo legati alla città, che non hanno ‘goduto’ dei tradizionali sistemi di promozione, in sintonia con le specializzazioni delle varie biblioteche.

Come Biblioteca del Centro Documentazione Handicap, in collaborazione con Biblioteca Centro Documentazione e Intercultura Ri.E.SCo del Comune di Bologna, martedì 22 giugno, alle ore 21.30, invitiamo tutti alla presentazione del libro A Said piaceva il mare e altri racconti, di Roberto Parmeggiani, presidente del CDH (edizioni la meridiana, 2021).
Cinque racconti e cinque storie di vita, per focalizzare il tema delle migrazioni, per conoscere e riconoscersi nelle vite degli altri. Il libro fa parte della collana Parimenti, narrativa per ragazzi tradotta in simboli per un pubblico di giovani adulti con difficoltà.

Roberto Parmeggiani dialogherà con Veronica Ceruti, direttrice Settore Biblioteche Comunali.
Interverranno anche Letizia Bosi, Mattia Zavarise, Chiara Emma, Letizia Pia Cartolaro, allievi del corso “Allievo attore”, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, Regione Emilia-Romagna.

A seguire sonorizzazione a cura di Neu Radio.
Punto libri in vendita a cura di Libreria UBIK.
L’appuntamento rientra anche nell’ambito di BOOM! Crescere nei libri.

La prenotazione è obbligatoria scrivendo a biglietteria@arenadelsole.it o telefonando al numero 0512910910.

Programma completo di InChiostro >>

Alla scoperta della natura e della sua dimensione inclusiva con le Storie di Pace per tutti di giugno

È dedicata alla natura la rassegna di giugno di Storie di Pace per tutti, le letture ad alta voce per bambini, accessibili a tutti, anche a bambini con disabilità e a tutti coloro che non riescono ad accedere al libro in maniera tradizionale. La natura infatti ha da sempre una dimensione inclusiva: la natura accoglie tutti e non respinge nessuno, poiché ogni elemento naturale, con le proprie caratteristiche, ognuno diverso dall’altro, è necessario per stare bene, per mantenere l’equilibrio e l’armonia.

Come sempre, le Storie per tutti prevedono anche momenti di approfondimento e formazione.

Questo il programma completo del mese: si comincia sabato 5 giugno, alle ore 11, con “La lezione degli alberi”, una video-lettura accessibile tratta dall’omonimo albo illustrato di Roberto Parmeggiani e Attilio Palumbo. La lettura sarà accompagna da traduzione in simboli e in LIS.

Un’altra video-lettura accessibile è in programma invece sabato 19 giugno, sempre alle ore 11, dal titolo “Fiori di città”, tratta dal silent book di Jon Arno Lawson e Sydney Smith.

Un momento di approfondimento è previsto per sabato 12 giugno, alle ore 11, per parlare di “A lezione tra alberi, amicizia e diversità”, insieme a Roberto Parmeggiani, scrittore, educatore e sindaco, presidente dell’Associazione Centro Documentazione Handicap e autore dell’albo illustrato La lezione degli alberi.

Un momento di formazione online è invece in programma per giovedì 17 giugno,  dalle ore 17.30 alle 19, con Beniamino Sidoti, per esplorare “Le cose della natura, la natura delle cose”. Durante l’incontro si scoprirà quali attitudini coltivare per un’educazione ambientale – dall’ecologia alla sostenibilità, dall’etologia all’incontro con le specie diverse, dalla mappa alla raccolta.
Il corso, gratuito e su Zoom, è rivolto a genitori, professionisti dell’educazione e curiosi.
Per informazioni e iscrizioni: storiextutti@gmail.com.

Sarà possibile seguire le Storie di Pace per tutti sul sito www.storiepertutti.it e sulle sue pagine Facebook e Instagram.
 

Itacà per il turismo accessibile, con il CDH

In preparazione alla tappa di Bologna dell’edizione 2021, IT.A.CÀ – Festival del Turismo Responsabile ha coinvolto il Centro Documentazione Handicap in “Incontri ravvicinati di un certo tipo“, un ciclo di formazione per operatori, gratuito e finanziato dall’8 per mille della Chiesa Valdese, sulla progettazione di eventi inclusivi.

Il CDH ha animato due dei 4 incontri online svolti nel mese di aprile, parlando di accessibilità relazionale (come superare gli stereotipi e le preoccupazioni legate al fare fronte a esigenze speciali) e accessibilità motoria (le soluzioni per garantire libertà di movimento in eventi e itinerari). Un ruolo attivo negli appuntamenti è stato affidato a formatori con disabilità, che hanno condiviso cosa significa per loro “girare una città”. Al ciclo di formazione hanno partecipato una quindicina dei gestori di spazi e locali coinvolti nella tappa bolognese del festival, che si svolgerà in 20 giornate tra giugno e settembre 2021.

La collaborazione con il festival del turismo responsabile continua in queste settimane di maggio e giugno: il CDH sta infatti effettuando sopralluoghi su 5 luoghi e itinerari di IT.A.CÀ 2021 Bologna per mapparne l’accessibilità in carrozzina/handbike, in “tandem” con l’Istituto dei Ciechi F. Cavazza di Bologna cui è affidata la verifica per quanto riguarda l’accessibilità sensoriale.
In occasione di alcuni appuntamenti itineranti del festival, grazie a una convenzione con Remoove, saranno inoltre a disposizione di chi ha difficoltà motorie alcuni ausili, tra i quali una bicicletta che consente il trasporto di una sedia a rotelle (anche con pedalata assistita).

Per scoprire gli appuntamenti di IT.A.CÀ, consultate il sito su cui sarà presto disponibile il programma completo: www.festivalitaca.net.

Pandemia e comunicazione: un focus sulle persone con deficit uditivo

PassIn, il sito del progetto.

Quali sono i problemi di comunicazione che hanno incontrato le persone con deficit uditivo durante la pandemia? E come risolverli? Un laboratorio di valutazione delle tecnologie disponibili che durerà un intero anno, coordinato dalla cooperativa Accaparlante  in rete con molti gruppi dell’area metropolitana milanese , finanziato dalla Fondazione di Comunità di Milano.

La pandemia generata dal virus SARS-CoV-2 ha colpito doppiamente le persone sorde ed ipoacusiche.
La “mascherina” (DPI) a schermo della bocca impedisce la lettura labiale e la visione della mimica facciale. La comunicazione a distanza (video chat..), non è stata accompagnata dagli accorgimenti utili per i soggetti con disturbi uditivi: Le due misure ne aggravano l’esclusione dal contesto comunicativo, con pesanti effetti sulla loro vita sociale, lavorativa e culturale. Emerge il fabbisogno di ripristino urgente delle condizioni per l’accesso alla comunicazione sociale ed interpersonale dei soggetti con disturbi uditivi, stimati in Italia in circa 7,2 milioni (fonte Airs, 2018).
A fronte del disagio, sono disponibili alcune soluzioni e tecnologie (app per la trascrizione automatica, sottotitolazione video, video interpretariato in lingua dei segni da remoto…), utili ma non ancora note, sperimentate, ed introdotte nei contesti d’uso: un tesoro di innovazione non usato perché non conosciuto a sufficienza dalle persone, gli stakeholder, gli enti.

L’obiettivo generale del progetto consiste nell’individuazione, valutazione e più ampia diffusione delle tecnologie di supporto alla comunicazione accessibile presso la popolazione target, nel segno di un approccio inclusivo in ogni contesto comunicativo (design for all). Le azioni progettuali consistono in:

a) Team building ed elaborazione del modello generale di intervento;

b) Sensibilizzazione contesto ed attivazione rete di sostegno;

c) Laboratorio per l’assessment tecnologico della comunicazione accessibile

d) Sperimentazione sul territorio delle tecnologie per la comunicazione accessibile (sessioni dimostrative e sportello di assistenza).

Saranno coinvolti circa 100 soggetti con deficit dell’udito, coinvolgendo enti e stakeholder.

Il risultato finale consiste nella rimozione degli ostacoli che impediscono ai soggetti con deficit dell’udito l’accesso alla comunicazione in presenza ed a distanza, nel corso della pandemia.

PassIn, il sito del progetto.

Un maggio tra le stelle per le Storie di pace per tutti

Da sempre il cielo affascina gli uomini, e fa parte dell’immaginario dei bambini fin dai primi anni di vita.
E nel mese di maggio le “Storie di pace per tutti” celebrano il cielo come metafora dell’unione tra i popoli: “Se vuoi toccare una stella…” segui le narrazioni inclusive online!

Questo il calendario delle iniziative, che sarà possibile seguire sul sito www.storiepertutti.it e sulle sue pagine Facebook e Instagram:


Sabato 15 maggio
, ore 11.00: “Come trovare una stella”, presentazione della video-lettura accessibile tratta dall’albo illustrato di Oliver Jeffers, per bambini da 3 a 10 anni.

Tutti i giovedì di maggio, ore 11.00: #LetturaDay
Nel mese della campagna nazionale Il Maggio dei Libri, “Storie di pace per tutti” partecipa all’iniziativa dell’Associazione Editori Indipendenti per diffondere la pratica della lettura ad alta voce, con letture per bambini da 3 a 10 anni.

“Storie di pace per tutti” è un progetto dell’Associazione Centro Documentazione Handicap.

Per informazioni e dettagli:
www.storiepertutti.it
www.facebook.com/Storiepertutti
www.instagram.com/storiepertutt 

Info: storiextutti@gmail.com

“Naturalmente Vicini”, una giornata di formazione in presenza sulla didattica accessibile a tutti

Arriva “Naturalmente Vicini”, un percorso laboratoriale, gratuito e in presenza, che si rivolge a educatori/trici, insegnati e operatori/trici del settore scolastico con l’obiettivo di costruire percorsi e attività didattiche “accessibili” che creino relazioni tra alunni disabili e coetanei senza disabilità.

“Naturalmente Vicini” prevede una intera giornata, dalle ore 10 alle 16.30, condotta da educatori esperti in didattica accessibile, con due momenti, uno teorico la mattina e uno pratico al pomeriggio.

Durante la mattinata verranno affrontati i temi dell’accessibilità ai contenuti, i livelli di scrittura, i codici comunicativi, i supporti, e come favorire l’incontro e il dialogo.
I contributi verranno proposti con collegamenti alla pratica esperienziale dei partecipanti e ai contesti professionali di riferimento.
A cura di Giovanna Di Pasquale, pedagogista Centro Documentazione Handicap/Cooperativa Accaparlante.

Nel pomeriggio si sperimenteranno casi concreti per rendere maggiormente accessibili i percorsi e le attività didattiche.
A cura dell’équipe educativa della Fattoria Urbana e di Sandra Negri, educatrice Centro Documentazione Handicap/Cooperativa Accaparlante.

La pausa pranzo sarà offerta dal ristorante pizzeria etica “Porta Pazienza”, gestito dalla Cooperativa La Formica negli spazi del Circolo la Fattoria.

“Naturalmente Vicini” si svolgerà presso il Circolo la Fattoria, in via Pirandello 6, e negli orti della Fattoria Urbana, via Pirandello 5, sabato 15 maggio e anche sabato 22 maggio: è possibile prenotarsi per una o l’altra giornata. 

Per prenotazioni:
compilare il seguente form entro il 10 maggio >>

Per informazioni:
info@fattoriaurbanabo.it

Il progetto è finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e si svolge in collaborazione con Centro Documentazione Handicap/Cooperativa Accaparlante, Circolo la Fattoria, Porta Pazienza, Fattoria Urbana.