di Adina Adami

“Io speriamo che me la cavo”: storia dei primi due anni di vita di un cineclub particolare

20/09/2012 - di Adina Adami, referente regionale Lazio Gruppo Asperger Onlus

Premessa
Quando mi è stato chiesto dalla redazione di “Hp-Accaparlante”di scrivere un articolo sul cineclub che il Gruppo Asperger onlus sta organizzando a Roma ormai da qualche stagione, mi sono detta che se si fosse trattato di raccontare il nostro percorso da un punto di vista cinematografico e quindi critico, non sarebbe stata assolutamente cosa per me.

Condividi contenuti