Testimonianze-Esperienze

Ciò che senti è ciò che prendi: uno spettacolo teatrale che non si va a "vedere"

01/01/2006 - Massimiliano Rubbi

Nell’ultimo numero di “HP-Accaparlante”, dedicato a teatro e disabilità, avevamo parlato di una scuola di teatro per sordi e udenti, che portava a uno spettacolo basato sull’elemento

Lettere al direttore

01/01/2006 - Claudio Imprudente

Ciao Claudio,
sono una mamma di 24 anni di Poviglio di Reggio Emilia. Mi permetto di darti del tu perché avendo letto il tuo libro e avendoti visto a un convegno a Guastalla (RE)

Avere un figlio disabile: i genitori raccontano

01/01/2006 - Annalisa Brunelli, Giovanna Di Pasquale

Storie e testimonianze fino al 1981
 
George Hourdin
Il dolore innocente
Assisi, Cittadella, 1978
Il racconto di un padre

"Non l'avevo mai notato…"

01/01/2006 - Alessandra Pederzoli

Questo pezzo nasce da una chiacchierata spontanea con un’amica (ecco perché non compare il papà), non vuol essere uno stralcio di intervista ad hoc, quanto piuttosto un fotografare una serie di pensieri scaturiti proprio a partire da poche e significative parole scambiate con questa mamma.

E vinse la tartaruga: elogio della lentezza

01/01/2006 - Stefano Toschi

“Potrei essere rinchiuso in un guscio di noce e sentirmi re di sconfinati spazi”. (W. Shakespeare, Amleto). Questa citazione è la preferita di Stephen Hawking, scienziato erede della

Consulenza D.O.C.

01/01/2006 - Lucia Onfiani

Per illustrare l’attività di consulenza sulla documentazione educativa che MeMo, il Multicentro educativo Modena “Sergio Neri”, mette in atto per accompagnare e sostenere gli utenti che la richiedono,

La documentazione del progetto Tutor nell'esperienza di Reggio Emilia

01/01/2006 - Maria Ferrari

Raccontare e documentare le esperienze che i soggetti istituzionali propongono a soggetti altri per fare capire il senso e gli obiettivi del proprio lavoro, richiedono impegno, costanza e rigore metodologico.

Tbilisi-Oslo, biblioteche a confronto.

01/01/2006 - Massimiliano Rubbi

Tra Georgia e Norvegia, un parallelo sulla documentazione sociale

Lettere al direttore

01/01/2006 - Claudio Imprudente

Caro Claudio
sono un ragazzo Caro Claudio,
di 25 anni di Napoli del Movimento Eucaristico Giovanile. Ti volevo semplicemente ringraziare per la tua importantissima

"Ma chi me lo fa fare?"

01/01/2006 - Alessandra Pederzoli

“Una palla di cannone che ha diviso la città in due!”. Questo è stato l’ospedale psichiatrico, o manicomio che dir si voglia; così lo racconta con una provocazione Ennio Sergio, psicologo

Condividi contenuti