Terzo settore

Diversi, non inferiori

01/01/1997 - Marco Grana

Tra cooperante e controparti vi è una distribuzione critica del potere, il primo è fonte di denaro, il secondo conosce la mappa della realtà. Le soluzioni dei latino-americani per i loro problemi sono sicuramente migliori...". L'esperienza di un educatore che è partito con un progetto del Mlal di Verona per lavorare in Nicaragua.

L'itinerario formativo

01/01/1996 - Maurizio Serofilli e Stefania Cervi

Un itinerario formativo per volontari del settore handicap. Storia di un "viaggio" che, partendo dai modelli di funzionamento delle organizzazioni e del tipo di lavoro richiesto, è approdato alle esigenze formative, molto spesso trascurate, dei singoli. Un'esperienza condotta a Modena dalla società Diathesis.

Un caso a sé

01/01/1996 - Diego Scudiero (*)

L'impegno dei volontari con le persone con HIV: la complessità di un approccio e di un rapporto che richiede una completa riorganizzazione dei parametri solitamente utilizzati per definire il disagio. Un percorso formativo che aiuti a trovare parole e modi diversi da quelli comunemente usati. L'esperienza e le riflessioni della Lila di Bologna.

Formato volontario

01/01/1996 - Maurizio Braglia e Piera Poli

La formazione delle persone che si dedicano al volontariato è un tema che ha assunto un'importanza sempre più rilevante: l'espandersi del volontariato nella società italiana, il suo ruolo anche politico che non lascia spazio all'immagine del volontariato dotato solo di sorrisi e buoni sentimenti, ha portato ad una concezione di formazione diversa, che fornisce strumenti, professionali, per poter agire in una società complessa.

Un vuoto da riempire

01/01/1996 - (a cura di) Nicola Rabbi

Molto spesso non si dà importanza alla struttura e al contesto in cui il volontario opera e si concentrano gli sforzi formativi sui rapporti personali con l'utenza. Ma esistono anche altri livelli, come la conoscenza del gruppo in cui si opera e la conoscenza del contesto in generale (rapporti con gli altri gruppi, con il servizio pubblico...). Intervista a Francesca Busnelli della FIVOL

Solidarietà in vendita

01/01/1992 - Nicola Rabbi

Farsi conoscere, sensibilizzare l'opinione pubblica su un tema particolare, raccogliere fondi per promuovere le proprie attività; sono questi i motivi principali che spingono le associazioni operanti nel sociale ad affidarsi ai messaggi pubblicitari. E i risultati, in termini di popolarità e di soldi, non tardano ad arrivare.

La biblioteca degli handicappati

01/01/1990 - Andrea Pancaldi

Da otto anni ormai esiste il centro di documentazione sull'handicap del-l'aias, la redazione di accaparlante, quella di rassegna stampa handicap. Andrea Pancaldi, coordinatore del centro, cerca di fare il punto della situazione. Già lo aveva fatto alcuni anni fa e lo aveva intitolato "all'handicappato basti un solo assessorato". Siamo solo al secondo atto..

La banca del Terzo Settore

01/01/2005 - Roberto Ghezzo

Poco tempo fa, alla libreria Feltrinelli International di Bologna, ho assistito a un fatto veramente interessante. Una ragazza aveva preso in mano una carta geografica del mondo, ma aveva notato

La Goccia che non fa traboccare il vaso: una fattoria accessibile e usabile!

01/01/2006 - Francesco Ghighi di Paola

“Tutto il mondo è paese non vuol dire che tutto è uguale: vuol dire che tutti siamo spaesati rispetto a qualcosa e a qualcuno”, scriveva Carlo Ginzburg, ed è proprio grazie a questo “spaesamento”

I disabili in Brasile: legislazione e iniziative degli ultimi vent'anni

01/01/2006 - Ana Bizzotto

Samba, carnevale, belle spiagge e persone simpatiche. Dall’altra parte violenza, povertà e corruzione. Il Brasile è conosciuto all’estero per molti dei suoi buoni e cattivi aspetti, ma un tema

Condividi contenuti