Salute Mentale

Il progetto Crisalide

01/01/1998 - Maria Augusta Nicoli (*)

Il progetto costituisce una delle prime esperienze di promozione della salute basate in prima istanza sul coinvolgimento della comunità. “Occorre uscire dall’attribuzione di gestore dell’informazione al solo specialista del settore – il giornalista – un ruolo decisivo lo possono giocare coloro che hanno rapporti con “il pubblico”

Qualche lettura sul tema

01/01/1998 - Cinzia Albanesi

Rassegna Bibliografica

I pregiudizi della Scienza

01/01/1998 - Giuseppe dell'Acqua (*)

Le prime risposte che i famigliari di un malato mentale ricevono sono in genere discordanti, ricche di contraddizioni, disorientanti tanto che alla fine non fanno altro che confermare una condizione di confusione, di allarme e una visione pessimistica del futuro. Salute mentale, pregiudizi e comunicazione sociale

La voce delle Associazioni

01/01/1998 - Ernesto Muggia

Facciamo prima di tutto il punto della situazione sulla salute mentale, oggiin Italia. L'argomento chiave è la chiusura degli ex-OP (OspedaliPsichiatrici), decisa, deliberata, con progetti operativi

I linguaggi della Psichiatria

01/01/1998 - Ferruccio Giacanelli (*)

Spetta all'operatore della psichiatria ricominciare ad avvicinarsi al paziente e agli “altri” per comunicare, trovando alleanze, canali e linguaggi appropriati e semplificando il suo gergo senza per questo banalizzare i problemi. I rischi del ”nuovo scientismo” della psichiatria

Chi fa informazione sociale

01/01/1998 - Andrea Pancaldi (*)

“Con lo slogan "informazione e marginalità: chi, come e dove", è possibile immaginare vari modi per produrre informazione sociale: il primo propone di organizzare il tema per argomenti, per così dire, "verticali", oppure un secondo approccio propone di organizzare il tema per argomenti "trasversali"...” Quando l’associazionismo si specializza nell’informazione

I ferri del mestiere

01/01/1998 - Mauro Sarti (*)

“Un errore frequente nei primi dolorosi rapporti con un giornale, è costituito dalla fiducia assoluta nella bontà della propria causa. Si è convinti, spesso, che un comunicato scritto male, bastino a fare scattare il mezzo dell'informazione. Se poi ciò non accade, si accusa il giornale di scarsa sensibilità, si scrive una lettera indignata al direttore, in una parola: ci si taglia il ponte con le proprie mani”

Cittadini più attivi

01/01/1998 - Josè M. Bertolte (*)

Negli anni recenti si è assistito, sul piano internazionale, ad una crescente consapevolezza del fatto che i cittadini dovrebbero essere in grado di giocare un ruolo più attivo rispetto all'intero campo dell'assistenza sanitaria che li riguarda. L’antagonismo tra un approccio di sanità pubblica ed un approccio impostato invece sui diritti umani. Le linee di tendenza dell’OMS

I contenuti dell'informazione sociale

01/01/1998 - Giancarla Stame (*)

La nozione di informazione, relativamente ai suoi aspetti di contenuto e dicomunicazione, propone anche in questo caso una stratificazione e unintrecciarsi di diversi livelli. Uno dei primi può essere

Amore ideale e rapporti reali

01/01/1993 - Silvia Uguzzoni (*)

Che cosa cambia nel corpo durante lo sviluppo sessuale?
“Diventano più grandi i piedi”. “Cambia il colore degli occhi, mia madre mi ha detto che nei bambini piccoli cambia”. “Crescono i capelli”.
Alcuni dei ragazzi con cui lavoriamo hanno risposto così a questa domanda.

Condividi contenuti