Professioni socio-educative

Appalti d'oro sulla formazione

01/01/1999 - Articolo tratto dal quotidiano L'Unità del 4.9.99

Di recente anche le cronache dei giornali si sono occupati di insegnanti di sostegno, cosa che peraltro non fanno mai, in occasione della riapertura dei corsi di formazione gestiti da associazioni private; di seguito un articolo tratto dal quotidiano L’Unità del 4.9.99

Per una definizione del lavoro di cura

01/01/2000 - G. Colombo

Dall’archivio: per rileggere e dare il senso del percorso fatto, per costruire memoria di un passato ancora prossimo (*)

Fiducia e costruzione dei legami

01/01/2000 - N. Rabbi

“La fiducia è la possibilità di affidarsi all’altro avendo la speranza che l’altro abbia comunque rispetto per te…L’operatore dovrebbe avere la possibilità e l’energia per porsi dentro la relazione di cura in uno stato d’animo interlocutorio”. Intervista a Maria Cristina Pesci, medico e psicoterapeuta

Maria e le altre

01/01/2000 - N. R.

L’associazione Piazza Grande ha partecipato al progetto Enter seguendo l’accompagnamento lavorativo di sei donne in condizione di grave svantaggio sociale. L’esperienza della responsabile, Barbara Mastellari

La metodologia del percorso formativo

01/01/2000 - B. B.

Michele La Rosa, docente di Sociologia all’Università degli Studi di Bologna, ha partecipato alla fase di studio e ricerca del progetto Enter. Sulla base di una serie di interviste effettuate a responsabili dei corsi di formazione professionale dell’area bolognese, ha individuato le linee orientative generali e metodologiche per la costruzione di un percorso formativo. Gli abbiamo rivolto alcune domande sul suo lavoro

Formare gli operatori

01/01/2000 - V. B.

Roberto Merlo, laureato in Filosofia, esercita l'attività psicoterapeutica.
Nell’ambito del progetto Enter ha fatto parte del Comitato Tecnico Scientifico del Progetto e si occupato della fase di studio e ricerca. Ha quindi curato, oltre alla funzione scientifica, la predisposizione di strumenti di indagine specifici per la parte relativa alla formazione degli operatori. All'interno di questa fase ha svolto
direttamente lezioni agli operatori partecipanti al corso

L'accoglienza

01/01/2000 - Daniela Lenzi

E’ il tempo della transizione, segna il passaggio da un contesto conosciuto ad un altro più estraneo, la separazione da una relazione affettiva famigliare ad un altra a cui occorre affidarsi.
Si

Cronaca di un'accoglienza

01/01/2000 - Giovanna Di Pasquale

Giuliana

Prototipo di accoglienza:
al mattino sia che io arrivi da casa, sia che arrivi da un’altra scuola, dedico sempre un breve momento di rilassamento, anche solo un minuto per “staccare”

La costruzione del "noi"

01/01/2000 - Andrea Canevaro

Si potrebbe dire che per crescere, e per, vivere, abbiamo bisogno di essere ciascuno sé stesso, o, sé stessa, e di poter "abitare" in un "noi". Per spiegare questa
espressione, possiamo servirci di

Dall'identità plurale all'identità gagja: una proposta per gli educatori

01/01/2000 - Marco Grana

La stimmate sociale di handicappato, matto, tossico e disgraziato aumenta il grado di emarginazione, sofferenza, chiusura e produce handicap, follia... Compito dell'educatore è consentire e promuovere l'apertura di spazi mentali e sociali per lo sviluppo dell'alterità, l'alterità dentro se stessi.

Condividi contenuti