Informazione e documentazione e marginalità

Immigrazione. La responsabilità giornalistica in un tema sociale

01/01/2000 - Ilaria Lenzi

Come viene presentato sui quotidiani locali di Bologna il tema dell'immigrazione? Intervista al giornalista Luigi Spezia, da cui emerge come sia difficile fare una buona informazione sui temi sociali e come la mentalità giornalistica sia dura da scalfire.

La telematica sociale

01/01/1991 - (a cura di) Carlo Giacobini e Nicola Rabbi

Questo ipertesto si occupa delle risorse informative in lingua italiana sul tema della disabilità presenti in internet. Parleremo soprattutto di internet anche se

Il lavoro raccontato

01/01/1993 - Nicola Rabbi

Sfogliandoli distrattamente possono sembrare dei "giornalini" semplici e con poche pretese, ma attenzione, dietro queste pagine a volte strampalate e ricche di immagini si celano storie di persone e di rapporti, progetti di lavoro, montagne di emozioni che interi libri "scientifici" non riuscirebbero a descrivere adeguatamente. Ne parliamo con Andrea Canevaro, direttore del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell’Università di Bologna.

Un centro per disabili e giornalisti

01/01/1993 - Silvia Saronne

Pochi soldi, un grande entusiasmo. I "giornalini" dei centri per disabili nascono dal desiderio di dare memoria alle esperienze, ma anche di lanciare un ponte alle famiglie e al mondo esterno.

Corpi in cronaca

01/01/1994 - Viviana Bussadori

C'è una specie di luogo comune che recita pressappoco così: "Le cattive notizie sono buone notizie". Quindi la notizia di una persona disabile, segregata per anni in un pollaio è proprio ciò che ci vuole per il giornalista a caccia di nuove emozioni; non per sé, si intende, ma per l'amato/odiato lettore, sempre più distratto, sempre più sommerso di messaggi quindi, sempre più sulla difensiva. Ma è sempre così? È sempre vero che quando si tratta di categorie deboli la regola è il sensazionalismo?

Parliamo chiaro

01/01/1993 - Angela Verzelli

"Due parole" è una rivista, una delle tante ma non come tutte le altre. Ha per sottotitolo una scrittura che incuriosisce: "mensile di facile lettura", e tutto, dalla scelta dei titoli alla grafica, desta una sensazione di scorrevolezza e di facilità che raramente si incontra nell'editoria a cui siamo abituati.

Tv sorrisi canzoni … e lacrime

01/01/1983 - Sergio Zaccagnini


Ogni tanto ci capita,, sfogliando qualche giornale, di trovare articoli e fotodedicati a persone handicappate.
Si vedono carrozzelle, si parla di cecità o di afasie, si fa riferimento adinterventi

La guerra del rusco

01/01/1986 - Andrea Pancaldi

Quando una cassetta della posta fa più in/cultura di una biblioteca

La biblioteca degli handicappati

01/01/1990 - Andrea Pancaldi

Da otto anni ormai esiste il centro di documentazione sull'handicap del-l'aias, la redazione di accaparlante, quella di rassegna stampa handicap. Andrea Pancaldi, coordinatore del centro, cerca di fare il punto della situazione. Già lo aveva fatto alcuni anni fa e lo aveva intitolato "all'handicappato basti un solo assessorato". Siamo solo al secondo atto..

L’ arte della documentazione

01/01/2001

In questa parte iniziale della rivista troverete alcuni spunti di riflessione che in questi anni hanno accompagnato le attività che il Centro Documentazione Handicap ha svolto nell’ambito

Condividi contenuti