Informazione e documentazione e marginalità

Le associazioni in rete

01/01/1999 - Carlo Gubitosa

Dobbiamo uscire un po' dall’ottica che l’informazione è o non è professionale, per imparare che anche noi con un computer e un po' di buona volontà e una carica ideale, possiamo fare informazione qualificata quanto e come quella delle grandi agenzie di stampa internazionali, che nonostante le grandi risorse, a volte si fermano alla veste patinata per mancare di contenuti profondi

Presidente ti scrivo

01/01/2000 - Claudio Imprudente

Caro Presidente
innanzitutto mi presento. Mi chiamo Claudio Imprudente, ho 39 anni e sono disabile (non-abile, per alcuni) o diversabile (abile in modo diverso, per altri): diciamo che, oggettivamente,

Se l'informazione passa sul web

01/01/1999 - Nicola Rabbi

Su internet, strumento per apprendere e conoscere sempre più usato anche in Italia (nonostante la bassa cultura tecnologica media), oramai si sono affacciate parecchie associazioni che si occupano di

Figli deformi se usi l'ecstasy

01/01/1999 - Viviana Bussadori

“Figli deformi se usi l’ecstasy”; “Paralizzato alle gambe? Allora non le serve il computer”; “Alpinista scala il Bianco con arto-protesi in titanio”... Titoli di quotidiani, un po’ sempre

Enter: un progetto europeo per l'inserimento lavorativo di persone svantaggiate

01/01/2000 - Viviana Bussadori

Le analisi, le riflessioni e le metodologie che accompagnano i percorsi formativi rimangono spesso in un circuito di “addetti ai lavori” mentre ciò che emerge è solo il risultato finale (il corso

Maria e le altre

01/01/2000 - N. R.

L’associazione Piazza Grande ha partecipato al progetto Enter seguendo l’accompagnamento lavorativo di sei donne in condizione di grave svantaggio sociale. L’esperienza della responsabile, Barbara Mastellari

La metodologia del percorso formativo

01/01/2000 - B. B.

Michele La Rosa, docente di Sociologia all’Università degli Studi di Bologna, ha partecipato alla fase di studio e ricerca del progetto Enter. Sulla base di una serie di interviste effettuate a responsabili dei corsi di formazione professionale dell’area bolognese, ha individuato le linee orientative generali e metodologiche per la costruzione di un percorso formativo. Gli abbiamo rivolto alcune domande sul suo lavoro

Formare gli operatori

01/01/2000 - V. B.

Roberto Merlo, laureato in Filosofia, esercita l'attività psicoterapeutica.
Nell’ambito del progetto Enter ha fatto parte del Comitato Tecnico Scientifico del Progetto e si occupato della fase di studio e ricerca. Ha quindi curato, oltre alla funzione scientifica, la predisposizione di strumenti di indagine specifici per la parte relativa alla formazione degli operatori. All'interno di questa fase ha svolto
direttamente lezioni agli operatori partecipanti al corso

Riduzione dell'handicap

01/01/2000 - Andrea Canevaro

Immaginiamo la rappresentazione del tempo e della sua qualità con i colori e immaginiamo come possa essere scombinata la vita di una persona, di una famiglia, dalla presenza di un evento inatteso e nei

Ma quanti sono i disabili nel mondo

01/01/2000 - Einar Helante

Secondo una stima, fra le diverse che sono possibili, oggi, anno 2000, vi sono 335 milioni di persone gravemente o moderatamente disabili nel mondo, dei quali circa 101 milioni (30%) vivono nei paesi più sviluppati e 234 milioni (70%) vivono in quelli meno sviluppati.
Sarebbe ragionevole presumere che la maggior parte delle persone moderatamente o gravemente disabili dipendono dagli altri fisicamente, psicologicamente, socialmente o economicamente. Invece, la maggioranza di queste persone vive al di sotto del livello di povertà

Condividi contenuti