Informatica e tecnologie

La nuova Babele

01/01/1995 - Cesare Padovani

All'inizio degli anni ottanta Lucio Lombardo Radice difendeva l'uso della calcolatrice nelle scuole medie: milioni di ragazzi avrebbero accelerato operazioni matematiche evitando (e scavalcando) così lunghissimi procedimenti manuali che, altrimenti, avrebbero ritardato nel tempo l'apprendimento logico.

Il villaggio globale dei volontari

01/01/1995 - Alessandro Marescotti

E' opinione diffusa che la telematica stia vivendo una piccola rivoluzione. Da una prevalente "utenza degli esperti" si sta passando via via ad una prevalente "utenza degli inesperti". In questo quadro avanza quella società civile impegnata nel campo del volontariato e dell'informazione sociale. Perché? Non è difficile intuirlo: la telematica offre un'inedita capacità di socializzazione dei messaggi e di coordinamento delle iniziative.

Al servizio del cittadino?

01/01/1995 - V. B.

L'hanno chiamato Iperbole (Internet PER BOlogna e L'Emilia romagna) ed è uno sportello a cui possono rivolgersi tutti i cittadini, provvisti naturalmente di computer e modem. E' il primo esperimento in Italia di quella che è stata subito ribattezzata come "democrazia telematica" e nei prossimi mesi, lo sportello è attivo da pochi giorni, sapremo quanto e come il servizio funziona. Per ora possiamo solo tracciare qualche ipotesi sulla reale fruizione dei servizi "via modem" e cercare di capire chi ne sarà l'utente. Ecco le opinioni in proposito di Angelo Agostini, direttore dell'Istituto di Formazione al Giornalismo dell'Emilia Romagna ed esperto di comunicazione.

L'handicap in rete 1

01/01/1995 - Nicola Rabbi

Le reti telematiche vengono di sovente paragonate a delle spaziose autostrade (elettroniche) dove corrono a velocità impensate una moltitudine di informazioni riguardanti i campi più disparati: da un paio d'anni su queste veloci autostrade passano anche informazioni riguardanti la disabilità.

Riabilitazione virtuale

01/01/1994 - Nicola Rabbi

Le possibilità offerte dalla realtà virtuale hanno già delle applicazioni pratiche, ancora poche e in fase sperimentale, che permettono, senza far volare l'immaginazione verso scenari fantascientifici, di verificare fin da adesso la loro utilità. E' il caso della riabilitazione neuromotoria di un paziente disabile, dell'addestramento dei non vedenti e, anche, della funzione terapeutica nei confronti dei tossicodipendenti. Ma esistono anche delle controindicazioni.

Nuove sensazioni

01/01/1994 - Viviana Bussadori

R. V., due sole lettere, una sigla per indicare un ambito tecnologico vastissimo; è la realtà virtuale, è il nuovo "media", è la nuova frontiera della conoscenza e della comunicazione. E', sicuramente per i profani, qualcosa dai contorni indefinibili, basti pensare alla quantità di applicazioni in cui viene sperimentata: architettura, intrattenimento, medicina, marketing, addestramento, solo per citare i più conosciuti.

Sesso tecnologico? No, grazie

01/01/1994 - Cesare Padovani

Sta per aprire i battenti a Roma una grandiosa mostra sul centenario della nascita del cinema, e a quanto sembra sarà una grossa occasione anche per riflettere sul nostro modo più recente di costruirci illusioni. Un secolo fa questa "lanterna magica", questa fiction, non era altro che una "realtà virtuale" ante litteram rispetto alle arti visive d'allora: rispetto alla pittura, alla scultura, e anche alla sua giovane antenata, la fotografia.

Le BBS: non solo Internet

01/01/1991 - (a cura di) Nicola Rabbi

Storia e ruolo delle BBS nell'informazione in rete dedicata all'handicap
attraverso le interviste a due persone che si sono impegnate in
questo settore, Giorgio Banaud, responsabile
della Bbs Icare e moderatore della conferenza su solidarietà e handicap
"Human.Ita" presente sulla rete Fidonet (una sorta di
mailing list quindi invisibile da internet) e Marco
del Dottore, responsabile della Bbs Area, specializzata, oltre
alla naturale area messaggi, nella raccolta di software per disabili.

La telematica sociale

01/01/1991 - (a cura di) Carlo Giacobini e Nicola Rabbi

Questo ipertesto si occupa delle risorse informative in lingua italiana sul tema della disabilità presenti in internet. Parleremo soprattutto di internet anche se

Ma la telematica serve ai disabili?

01/01/1991 - (a cura di) Nicola Rabbi

Abbiamo cercato di rispondere a questa domanda attraverso due interviste,
una ad Andrea Canevaro, direttore del Dipartimento
di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna, l'altra
a John Fischetti, dell'ENIL Italia (Movimento
per la vita indipendente)

Condividi contenuti