Emarginazione

Di chi è la colpa? Superabile, Marzo 2012

08/03/2012 - Claudio Imprudente
dare-la-colpa.jpg

Ci siamo sempre chiesti, qui al centro documentazione handicap di Bologna, come affrontare una delle sfide più delicate ed importanti: la costruzione della propria identità. La scorsa settimana partecipavo ad un nuovo laboratorio organizzato dal progetto calamaio, rivolto a dei giovani con disabilità che hanno appena terminato il proprio percorso scolastico.

Anche il CDH nel corso di aggiornamento della Rete Antidiscriminazione

02/11/2011
images.jpg

Il CDH, come membro della Rete regionale Antidiscriminazioni, partecipa a una giornata di aggiornamento organizzata dalla Rete.

Venerdì 4 novembre dalle 9,30 alle 13 si parlerà di "La discriminazione sulla base della disabilità: i casi e gli ambiti di discriminazione, la tutela delle vittime di discriminazione, disabilità e nazionalità: casi di discriminazione multipla".

Il magico Alvermann - Etichetta e preferenze

15/07/2011 - a cura di Valeria Alpi

Sono sempre stato convinto che la caratteristica della nostra famiglia sia la riservatezza. Portiamo il pudore a estremi incredibili, tanto nel nostro modo di vestirci e di mangiare come nel modo di esprimerci o di salire sul tram. I soprannomi, per esempio, che con tanta noncuranza vengono affibbiati nel quartiere di Pacifico, sono per noi motivo di estrema cura, di riflessione e persino di inquietudine. Ci sembra che non si possa attribuire un nomignolo qualsiasi a qualcuno che dovrà farlo suo e portarlo come un attributo per tutta la vita.

L'uomo ha due dimensioni: esperienze e problemi degli immigrati con disabilità

06/07/2011 - Massimiliano Rubbi

In genere, quando si parla di “doppia disabilità” si intende, se non quella legata a una doppia menomazione sensoriale (come la sordo-cecità), la situazione di una donna con disabilità, soggetta a una discriminazione multipla per il proprio genere e per il proprio handicap. Tuttavia, seguendo questa linea concettuale si possono costruire molteplici doppie discriminazioni, collegando la disabilità a una qualsiasi delle altre condizioni oggetto di stigma sociale.

La fragilità «visionaria» - Il Messaggero di Sant'Antonio, maggio 2010

05/05/2010 - Claudio Imprudente
bicchiere_rotto.jpg

Qualche mese fa ho ricevuto questa lettera, a mio avviso molto interes­sante e piena di spunti. Vorrei condividerla con voi: «Ciao Claudio, sono M. Da diciannove anni lavoro come terapista con bambini disabili. Purtroppo ho dovuto anch’io fare i conti, in questi anni, con la malattia, a volte più pesante, a volte una banale influenza, magari recidivante nell’arco dell’anno. E ho dovuto fare i conti anche, e ogni volta è così, con la mia fragilità e il giudizio di altre persone, con il mio sentirmi in colpa per essermi ammalata, ecc...

Disabilità non fa rima con solitudine - Il Messaggero di Sant'Antonio, novembre 2008

26/03/2010 - Claudio Imprudente

Qualche mese fa mi trovavo al concerto tenuto a Bologna da Jovanotti, artista particolare che ha saputo proporsi nel tempo in modo sempre diverso. Un grande comunicatore di concetti, oltre che un ottimo compositore ed esecutore. Quando il pubblico ha sentito l’attacco di Fango («Io lo so che non sono solo…») subito è partito in un coro tale da sovrastare la voce del cantante.

Quale assistenza

01/01/1997 - (a cura di) N. R. e V. B.

intervista a Don Vinicio Albanesi, CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza)

Quale assistenza

01/01/1997 - (a cura di) N. R e V. B.

intervista a Francesco Santanera del C.S.A (Coordinamento Sanità e Assistenza fra i movimenti di base)

Quale assistenza

01/01/1997 - (a cura di) N. R. e V. B.

intervista a Mons.Giovanni Nervo, Fondazione Zancan

Condividi contenuti