Donne con disabilità e violenza di genere: un seminario di approfondimento per progettare percorsi possibili

05/11/2018
violenzadisabili.JPG

Donne con disabilità e violenza di genere: è questo il titolo del seminario in programma a Bologna lunedì 12 novembre, dalle ore 9.30 alle 13.30, alla Sala Marco Biagi del Quartiere Santo Stefano, in via Santo Stefano 119, all'interno del Festival La violenza illustrata, giunto ormai alla sua XIII edizione.

Il seminario, organizzato da Casa delle donne per non subire violenza in collaborazione con il Centro Documentazione Handicap/Cooperativa Accaparlante, vuole essere una finestra e un'occasione di dibattito sul tema dell'intreccio tra disabilità e violenza contro le donne. Si tratta di un tema che risulta particolarmente complesso: la specificità della disabilità da una parte e la peculiarità del fenomeno della violenza alle donne dall'altra produce una sostanziale invisibilità. Le difficoltà dei percorsi di uscita dalla violenza si moltiplicano nell'incontro con la vulnerabilità della condizione di disabilità. Dunque il seminario intende focalizzarsi sulla necessità operativa di produrre servizi che prevedano questa complessità.
In primis si intende discutere le strategie e le sensibilità per intercettare i bisogni e le richieste di aiuto. In che modo adeguare i servizi per prevedere la possibilità di una richiesta da parte di chi, anche dal punto di vista comunicativo e delle possibilità di azione, presenta una diversità o un'impasse?
Inoltre: come pensare la costruzione dell'autonomia e l'uscita dalla violenza nei casi specifici che prevedono la presenza di deficit? Come formare chi opera nel settore della disabilità e in quello della violenza di genere? La figura del caregiver è decisiva, visto che può essere la figura che nega l'autonomia di un soggetto attraverso comportamenti, assunti di fondo, pregiudizi. Come collaborare e coinvolgere le figure di coloro che prestano assistenza in casa o nelle strutture residenziali? Si intende pensare pubblicamente il lavoro culturale e di sensibilizzazione che è necessario per contrastare i pregiudizi su genere e disabilità nel loro intreccio e in modo da rendere visibili anche le violenze più subdole: il mancato riconoscimento di adultità, la possibilità di prendere decisioni, di esprimere desideri, in sintesi, il riconoscimento del soggetto donna come soggetto di diritti.

Introduce: Laura Saracino (Casa delle donne)

Coordina: Valeria Alpi (Giornalista, Accaparlante)

Intervengono:

Egidio Sosio (Disability Manager Comune di Bologna)

Sara Carnovali (Dottoressa di Ricerca in Diritto costituzionale)

Rosalba Taddeini (Referente dello sportello sulle multiple discriminazioni, Differenza Donna)

Alice degli Innocenti (Wave, D.i.Re - Donne in rete contro la violenza)

Maria Cristina Pesci (Medico, psicoterapeuta)

Evento aperto a tutti, ingresso gratuito.