Una calamita per sorella, Superabile, Settembre 2012

10/09/2012 - Claudio Imprudente
calamita.jpg

“Appeso al frigorifero in cucina c’è una calamita con su scritto: sorelle per caso, amiche per scelta. È proprio quello che penso, alcune volte ci riusciamo, altre un po’ meno…”. Così mi ha raccontato un giorno la mia giovane collega disabile Francesca, da poco “arruolata” nel Gruppo Calamaio del Centro Documentazione Handicap di Bologna, a proposito di sua sorella gemella Federica.
A parte il fatto che io vado matto per le calamite e che ne ho il frigo letteralmente tappezzato, tante quante i miei avventurosi viaggi in giro per il mondo, questa frase mi ha colpito perché sintesi perfetta delle contraddizioni e dei contenuti più delicati di un tema così affascinante e importante come il rapporto tra fratelli e sorelle.
Il rapporto simbiotico infatti che quasi sempre si viene a creare, nonostante ci si trovi, come sottolinea la nostra Francesca, ad essere uniti un po’ per caso, spesso rischia di degenerare in gelosia da entrambe le parti. Amore e odio, iperprotezione e indifferenza in questi casi sono spesso faccia della stessa medaglia proprio come il nord e il sud dei magneti. Come poli magnetici cioè, ci si attrae e ci si respinge costantemente.
“La sensazione che ricevo da lei- continua Francesca- è di continuo controllo, difficilmente mi lascia fare le cose da sola e invece credo che per alcune ne sarei capace. È ovvio e certo che io abbia più bisogno di aiuto, ma ciò non significa che anch’io non possa migliorare”. E allo stesso tempo aggiunge: “A volte creiamo insieme delle alleanze per combattere i nostri genitori, in due otteniamo risultati migliori, oppure ci diamo una mano a vicenda nella scelta dei regali per i rispettivi fidanzati. Ci capita anche di andare a passeggiare e chiacchierare”.
Il limite tra complicità e conflitto è talmente labile e sottile che, come ci insegna la calamita di queste gemelle, diventa una questione di scelta, con cui imparare a misurarsi insieme giorno per giorno.
Come diceva Riccardo Cocciante è una questione di feeling…
E voi, sul vostro frigo, che calamita avete?

Scrivete a claudio@accaparlante.it o sulla mia pagina facebook.

Claudio Imprudente