L'occhio sullo scaffale

10/09/2012 - a cura di Annalisa Brunelli

sport 

Stefano Martelli
Lo sport mediato
Milano, FrancoAngeli, 2010
Per la prima volta vengono qui presentati i dati sulle audience italiane di Olimpiadi, Paralimpiadi e Campionati europei di calcio fra il 2000 e il 2008 per collocarli poi in un quadro più ampio che descrive cos’è un mega evento sportivo e quali processi comunicativi lo rendono possibile.
 
Mauro Sciulli
I colori della vita
Sulmona, Book sprint, 2010
Nato dall’esperienza diretta dell’autore, allenatore di nuoto di numerosi ragazzi disabili, il libro raccoglie idee, documenti, leggi che potrebbero servire a modificare l’approccio alla diversità.
 
ragazzi
 
Paolo De Nardis, Angela Cattaneo, Cristina Mariti
Taciti accordi
Milano, FrancoAngeli, 2007
Un’indagine sul vissuto e sulla condizione dei giovani nel Lazio che fotografa la loro visione del presente e del futuro e le loro strategie di integrazione sociale, i taciti accordi appunto da cui nascono nuove promesse di vita e prospettive per il domani.
 
 
Cesarina Vighy
Scendo. Buon proseguimento
Roma, Fazi, 2010
“Ho scritto in una condizione di libertà. La malattia mi ha dato materiale, momenti di gioia creativa in cui dimenticavo la realtà che mi aspettava, sempre più difficile, sempre più buia [...] Se ricordo bene è proprio la Speranza a restare in fondo al vaso di Pandora dopo che tutti i mali se ne sono scappati via, a infettare il mondo. Dunque, acchiappiamola questa Speranza preziosa, ma con delicatezza, come si prende una bellissima farfalla variopinta, altrimenti ci lascerà solo una polvere d’oro fra le dita. Io stessa, che non posso avere speranze, mi sento rinfrancata: uscirà il mio libro e sarà bello (se Elido non me l’avrà evirato troppo), ho già il riconoscimento di persone che stimo molto e ho deciso di vivere almeno fino a luglio”. Una densa raccolta di e-mail alla figlia, agli amici, al suo editore, ricche di vita. Nonostante tutto.
 
Michela Capone
Quando impari ad allacciarti le scarpe
Sassari, Carlo Delfino, 2009
Marco ha dodici anni ed è affetto da una patologia rarissima. È la madre che racconta la sua storia: “Ho iniziato a scrivere per me, per esorcizzare, attraverso la narrazione, la sofferenza, la paura e il senso di solitudine. Poi qualche amico ha letto questo mio diario e mi ha convinto a pubblicarlo. Se ho accettato è solo perché sono convinta che la mia testimonianza può sollecitare alla riflessione, può far volgere lo sguardo su una dimensione dell’esistenza che può riguardare tutti e che può arrivare all’improvviso, cogliendoci impreparati”.
 
Michele Trotta
Francesco & l’infinito
Roma, Centro Volontari della Sofferenza, 2009
Il diario di una famiglia qualsiasi, proiettata all’improvviso in una nuova dimensione dalla nascita prematura del terzo figlio. L’accettazione dei suoi deficit e una diversa prospettiva di vita vengono vissuti e raccontati in una profonda dimensione di fede.
 
Edoardo Inglese
Col fiato sospeso (allegato cd audio “Il pasticcio”)
Trento, Erickson, 2010
“Ho risposto molte volte alla domanda ‘Come sta?’ con la formula, se uno dimentica com’era prima, adesso sta benissimo. Ma ho sbagliato, è sbagliato. [...] E com’era prima non va dimenticato, o meglio, non ha nessun senso. Sì perché Maurizio come essere umano non ha bisogno né di imperfetto né di passato remoto: in buona sostanza è come era [...] insomma non gli funzionano parecchie cose eppure caratterialmente, per spirito e natura è assolutamente lui”.
Poco più di un anno raccontato in un blog dagli amici che soffrono, partecipano e sperano che Maurizio detto Pasticcio, dopo il doppio trauma cranico che gli ha procurato il coma, torni a suonare con loro. “Continuare a pensare alla vita. Bisogna si deve si può pensare bene. Maurizio torna Pasticcio”.
 
Giancarlo Trapanese, Cristina Tonelli
Sirena senza coda
Firenze, Vallecchi, 2009
In una sorta di diari paralleli si dipanano le vicende di un giornalista e dei suoi figli la cui vita si intreccia casualmente con quella di una ragazza cerebrolesa, della sua famiglia e dei suoi amici. La storia vera, anche se romanzata, di una donna determinata a trovare la strada per comunicare e affermare la sua personalità e le sue convinzioni, nonostante i limiti imposti da un deficit grave e le previsioni pessimistiche dei medici che non le avevano dato alcuna speranza di una vita significativa.
 
Laura Boerci, Filippo Visentin
I colori del buio
Empoli (FI), Ibiskos, 2009
Un romanzo ambientato nella campagna alle porte di Milano alla fine degli anni ’40. Un mondo di gente povera fra cui spicca Marta giovane donna aperta e intelligente alle prese con la scoperta della cecità di Sergio, unico figlio del nuovo medico condotto. Uno spaccato della vita di quell’epoca ancora intrisa di pregiudizi e paure legate alla diversità.
 
Nikolaus Fischnaller
Sprich, damit ich dich sehe
Bolzano, Raetia, 2009
L’autore, non vedente, prendendo spunto da fatti quotidiani ci racconta, spesso in forma divertente, gli atteggiamenti sbagliati che i vedenti hanno e, insieme, le insicurezze dei non vedenti. Il suo è un invito ad abbattere i pregiudizi e le paure e cercare un punto di incontro.
 
Roberta Bertellino, Marisa Bettassa, Giancarlo Ferrari
Come… volare alto
Rocca Can.se (TO), Associazione Volare Alto, 2005
Cuore di questo libro che affronta il tema delle famiglie con figli disabili, sono proprio le testimonianze dei genitori che ripercorrono la propria storia, dalla prima comunicazione della diagnosi al rapporto con gli amici e le figure professionali, agli ostacoli da superare, ai cambiamenti nei ritmi e negli stili di vita fino alla collaborazione più o meno positiva con istituzioni e associazioni.
 
conoscere i deficit
 
Renato Pigliacampo
Nuovo dizionario della disabilità dell’handicap e della riabilitazione
Roma, Armando, 2009
Questa nuova edizione, arricchita rispetto alla precedente del 2003, raccoglie le voci in un percorso socio esistenziale culturale che cerca di uscire dall’ottica medico-riabilitativa, unico punto di vista da cui, fino a poco tempo fa, era possibile considerare la persona disabile.
 
Lidia Cattelan
Autismo. Manuale operativo per docenti e genitori
Schio (VI), Industrialzone, 2010
Convinta dell’importanza di un lavoro in sinergia fra scuola e famiglia, in particolare nel caso di bambini con autismo, l’autrice presenta una proposta operativa di collaborazione concreta, dando spazio agli aspetti teorici e alla normativa ma soprattutto agli strumenti e ai percorsi strutturati di lavoro.
 
Chiara Bonfigliuoli, Marina Pinelli
Disabilità visiva
Trento, Erickson, 2010
Il volume presenta le diverse ricerche sullo sviluppo linguistico, motorio e delle abilità sociali di bambini e ragazzi ipovendenti e non vedenti, cui sono affiancati alcuni contributi sperimentali che evidenziano la possibilità di integrare attività educativa e obiettivi della ricerca. Per dare forma più concreta alle considerazioni teoriche, vengono forniti spunti operativi e proposte di attività.
 
Anna Maria Re, Martina Pedron, Daniela Lucangeli
ADHD e learning disabilities
Milano, FrancoAngeli, 2010
Il volume affronta la situazione dei bambini con disturbi dell’attenzione e iperattività (ADHD) di cui viene fornito un quadro teorico per poi concentrarsi maggiormente sulla pratica clinica con l’analisi di alcuni casi singoli e l’esame degli interventi con la famiglia, la scuola e il bambino stesso.
 
Loredana Piccolo (a cura di)
La complessità invisibile
Milano, FrancoAngeli, 2010
Il volume affronta i momenti maggiormente rilevanti della vita delle persone con deficit visivo e delle loro famiglie con l’obiettivo di generare un confronto sulle macro-tematiche che sostengono la loro integrazione.
 
Elisa Shipon- Blum
Comprendere il mutismo selettivo
Molfetta (BA), La Meridiana, 2010
Il mutismo selettivo è un disturbo complesso dell’ansia caratterizzato dall’impossibilità di un bambino di esprimersi e comunicare in modo rilassato in alcuni contesti sociali, in particolar modo a scuola. Questi bambini sono però capaci di parlare normalmente in situazioni in cui si sentono a loro agio. Attraverso il racconto della giornata tipo di Katie, non solo si descrive un bambino affetto da questa patologia ma vengono illustrate anche strategie e tecniche positive per aiutarlo nei momenti di stress e frustrazione, fornendo metodi e accorgimenti pratici finalizzati all’adeguamento del bambino alla vita scolastica, anche se con il supporto costante del terapeuta.
 
educazione
 
Enrica Casali, Biancamaria Girardi, Barbara Rossi, Marco Ubbiali
Al centro… tu!
Roma, FISM Federazione Italiana Scuole Materne, 2009
Un vademecum che ripercorre le tappe più significative dell’integrazione scolastica dei bambini disabili, dalla legislazione ai vari documenti, dal profilo dinamico funzionale al PEI.
 
Elisabetta Genovese, Enrico Ghidoni, Giacomo Guaraldi, Giacomo Stella
Dislessia e università
Trento, Erickson, 2010
Come già negli altri ordini di scuola, la presenza di studenti dislessici nelle Università è in rapido aumento e sono quindi necessari specifici provvedimenti che assicurino loro pari opportunità di apprendimento e successo. Il volume esamina diversi aspetti di queste problematiche dalla valutazione diagnostica all’individuazione di strumenti e strategie per favorire il lavoro accademico, fino alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie.
 
Antonio Passaro
Oltre il limite
Roma, Borla, 2009
Il testo affronta le problematiche legate all’integrazione scolastica di bambini e ragazzi con pluridisabilità e privi del tutto o in parte della vista. Analizza l’immagine di sé e la formazione dello schema corporeo in tali ragazzi, dando indicazioni su possibili giochi di conoscenza di sé e per l’elaborazione del progetto educativo-riabilitativo.
 
Filippo Barbera
Un’insolita compagna: la dislessia
Vicenza, Veneta, 2010
Sotto forma di dialogo con la vecchia maestra, l’autore, dislessico, ripercorre la sua storia di scolaro alle prese con un disturbo spesso non riconosciuto o sottovalutato. Ricordi, mortificazioni, difficoltà ma anche successi che mostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, che la dislessia non impedisce di crescere e realizzarsi anche a scuola.
 
Fabio Bocci
Letteratura, cinema e pedagogia
Roma, Monolite, 2005
Un originale punto di vista quello presentato dal testo che analizza la figura dell’insegnante attingendo alla narrativa nazionale e internazionale, corredando ogni paragrafo con una guida filmografica e un’analisi pedagogica sulla base della letteratura scientifica.
 
strumenti
 
Elena Manenti, Simona Manenti
Progetto pregrafismo (con cd allegato)
Azzano San Paolo (BG), Junior, 2008
Si possono acquisire i prerequisiti necessari per imparare a scrivere in un modo diverso, utilizzando altri strumenti da affiancare alle tradizionali schede di pregrafismo? Una proposta di unità di lavoro con la narrazione di racconti e giochi di tipo motorio, riportati anche nel cd allegato.
 
Antonella Ruggieri, Luigi Russo
Faccio io!
Trento, Erickson, 2010
Un programma educativo individualizzato che sfrutta i punti di forza delle persone con disturbi pervasivi dello sviluppo o ritardo mentale (memoria automatica, abilità visuo-spaziali...): tre brevi racconti illustrati che mostrano specifiche situazioni sociali (le autonomie personali in generale, l’igiene dentale e le abilità di autonomia domestica) cui seguono alcune proposte operative e di giochi individuali o di gruppo per consolidare gli apprendimenti.
 
Paola Balestracci Beltrami
Il mio primo libro di musica
Roma, Armando, 2009
 
Ilaria Fortunato, Cristino Volpe
Indovina facile
Trento, Erickson, 2010
Un libro pensato per bambini dai 3 ai 7 anni che sfrutta l’aspetto ludico dell’indovinello per potenziare diverse aree cognitive quali l’attenzione selettiva e sostenuta, la comprensione e la coordinazione occhio-mano, sviluppando abilità prerequisite alle attività scolastiche e che può essere utile anche per bambini più grandi con difficoltà di apprendimento o disabilità cognitive.
 
Patrizia Gaudiano, Bruno Rebuttini
Avviamento alla comprensione del testo
Trento, Erickson, 2010
Il volume presenta un programma specifico, rivolto ai bambini con difficoltà di comprensione che presentano lacune in diverse aree cognitive e metacognitive, strutturato in 45 schede che prevedono diversi tipi di analisi: percettiva, inferenziale-lessicale, sintattico-testuale, pragmatica. Tutte le attività sono presentate sotto forma di giochi e storie e sono arricchite da numerose illustrazioni.
 
politiche sociali
 
Gruppo Solidarietà
Sostenere la domiciliarità
Moie di Maiolati (AN), Gruppo Solidarietà, 2009
Il volume propone un’analisi della legislazione relativa alle cure domiciliari, esaminando anche gli strumenti dei buoni servizio e degli assegni di cura. Si sofferma poi sulla regione Marche verificando il funzionamento dei servizi territoriali per la disabilità e per le persone non autosufficienti.
Può essere richiesto direttamente al Gruppo Solidarietà 0731/70.33.27 oppure grusol@grusol.it.
 
Gruppo Solidarietà
I dimenticati
Moie di Maiolati (AN), Gruppo Solidarietà, 2010
Esempio del ruolo di controllo di base delle istituzioni e di tutela dei diritti dei cittadini nei servizi sociali, il volontariato è uno dei protagonisti di questo volume insieme a un’attenta analisi di alcuni atti di programmazione socio-sanitaria della regione Marche sui temi dell’assistenza ospedaliera e territoriale per i non autosufficienti.
Può essere richiesto direttamente al Gruppo Solidarietà 0731/70.33.27 oppure grusol@grusol.it.
 
lavoro
 
Gerardino Metallo, Paolo Ricci, Guido Migliaccio
La risorsa umana diversamente abile nell’economia dell’azienda
Torino, Giappichelli, 2009
Considerare le persone disabili quale risorsa produttiva per il sistema economico e per le aziende. Questo il punto di partenza per questo corposo volume che, valutato il quadro giuridico di riferimento e l’influsso delle persone disabili nelle aziende in cui lavorano, affronta il tema della disabilità come target di mercato ed esamina diverse realtà aziendali costituite e gestite da persone con disabilità.
 
 
IL BAMBINO SULLO SCAFFALE

guerra
 
Lia Frassineti, Lia Tagliacozzo
Anni spezzati
Firenze, Giunti, 2009
Piero, Liliana, Ada, Enrico… Sono solo alcuni dei protagonisti di queste storie. Quattro storie vere che ripercorrono per i più giovani gli anni delle leggi razziali e delle deportazioni raccontando vicende personali, raccogliendo ricordi, emozioni e frammenti di vita, “cose difficili da comprendere. Per capirle non basta un libro solo. Ma leggere le prossime pagine e ascoltare la loro voce è un inizio per cercare di capire”.
 
Lia Levi
Siamo in guerra e nessuno me lo dice
Milano, Mondadori, 2010
“Per quello che ne sapevo io, la guerra era più o meno fatta da soldati che si sparavano da due parti diverse in qualche sperduta pianura o su per le montagne, e perciò ci riguardava fino a un certo punto [...] Insomma, a noi nessuno aveva spiegato niente, neanche che la guerra sarebbe arrivata subito, una specie di consegna immediata”. Il primo bombardamento di Torino, allo scoppio della seconda guerra mondiale, visto con gli occhi di una bambina.
 
convivenze
 
Elisa Géhin
C’era tante volte una foresta
Roma, La nuova frontiera, 2010
Alberi, uccelli, corone e un gatto con il passamontagna per una storia semplicissima ma che racconta la possibilità di una reale convivenza, nata dal superamento dei pregiudizi e della chiusura.
 
Ombretta Morello
I colori della pace. Storie di introduzione alle culture e alle religioni di altri paesi
Roma, Armando, 2010
 
Pico Floridi, Amelia Gatacre
Quante famiglie!
Milano, Il Castoro, 2010
“Vivo con il mio papà, Ernesto, la sua compagna Lucy e sua figlia Sara. [...] Vivo solo con la mia mamma. [...] Il mio papà si chiama Sebastiano e fa l’oculista. Insieme a noi vive anche Franz che è un amico di papà”. Caterina, Andrea, Giulia, Semra. Sono solo alcuni dei piccoli protagonisti di questo libro che in poche righe descrivono la propria famiglia, famiglie tutte diverse ma non per questo meno accoglienti e positive.
 
diversità
 
Maria Gallardo, Miguel Gallardo
Maria e io
Bologna, Comma 22, 2009
“I momenti di soddisfazione con Maria non si misurano con il metro che usano gli altri genitori. Con Maria serve un metro molto piccolo per prendere le misure: ogni miglioramento, ogni sorpresa è una grande gioia per chi circonda Maria. E Maria non smette di darci gioie [...] E questo è tutto, Maria è Maria e io sono il suo papà”. La storia per immagini di una delle tante vacanze di un padre e di una figlia. La storia vera di una bambina autistica e delle sue tante potenzialità nella relazione con un mondo spesso ostile e pieno di pregiudizi.
 
Ross Collins
Caro Vampi
Milano, Il Castoro, 2010
“Caro Vampi, è da tanto tempo che non ti scrivo, ma abbiamo avuto molti problemi con i nostri vicini…”. Una storia divertente, con un finale inaspettato, che punta il dito con leggerezza sui pregiudizi e l’accettazione delle diversità.
 
Peggy van Gurp
I disegni della principessa Annabella
Cornaredo (MI), Il Castello, 2010
Come in tutte le fiabe che si rispettano, al re e alla regina nasce una bella bambina “ma nessuno riesce a spiegare che cosa ha di diverso. Dopotutto Annabella ha cinque dita in ogni mano, cinque dita in ogni piede, due orecchie, due occhi e un delizioso nasino!”. A differenza di tutte le fiabe, questa bambina ha la sindrome di Down... anche se è figlia di re. Sarà però una bambina amatissima che rallegra chi le sta intorno e sa fare tante cose anche se non riesce a fare tutto perfettamente.
 
Jodorowsky, Boiscommun
Pietrolino
Bologna, Comma 22, 2009
Siamo in Francia all’epoca dell’occupazione tedesca. Pietrolino, insieme all’amico Simio che narra la storia, si esibisce per strada e nei locali. Ma i suoi spettacoli, basati soprattutto sulla sua abilità di mimo, non piacciono alle forze d’occupazione naziste. Pietrolino si ritrova prigioniero, con le mani spezzate e inutilizzabili. Una bella storia a fumetti che racconta la rinascita di un uomo che, nonostante il suo limite evidente, riesce a trovare un suo modo per realizzarsi.
 
morte
 
Elfi Nijssen, Eline van Lindenhuizen
Beniamino
Cornaredo (MI), Il Castello, 2010
“Jacopo è un bambino felice”. Ha due genitori fantastici e premurosi e anche un fratellino appena nato. Ma la felicità può essere oscurata e la morte del piccolo Beniamino porta tristezza e silenzio. Una storia che avvicina i più piccoli al tema della morte, suggerendo delicatamente che si può rialzare la testa e tornare a essere felici, pur non dimenticando chi non c’è più.
 
ascoltare e capire
 
Carlo Carzan
Ti ricordi il calcio?
Roma, Sinnos, 2010
Anno 2030. Il calcio è illegale da vent’anni ma l’occasione di un reportage giornalistico sulla storia di uno degli sport più conosciuti fa rinascere la voglia di giocare una nuova partita. Attraverso le storie di alcuni grandi calciatori, di episodi più o meno noti, il libro stimola una riflessione sul senso dello sport e sugli aspetti positivi e negativi del calcio in particolare.
 
Ombretta Morello
La fattoria felice e altre storie
Roma, Armando, 2007
Queste storie fanno parte di un progetto psicopedagogico indirizzato ai bambini in età prescolare e sono state pensate come strumenti per aiutare i bambini ad affrontare le situazioni difficili che possono incontrare durante la loro crescita.

 

Parole chiave:
Letteratura, Tempo libero