Il mojito della disabilità, Superabile, Agosto 2012

31/07/2012 - Claudio Imprudente
mojito-150x124.jpg

Ma lo sapevate che dentro il cocktail dell'estate, l'esotico e fresco mojito, c'è anche dell'angostura? Sapete cos'è l'angostura? Un amaro concentrato, un estratto di corteccia dal sapore fortissimo, talmente acre da essere sgradevole all'olfatto E persino un po' nauseante. Proprio per questo va utilizzato con il contagocce, a piccole dosi. Ho fatto questa scoperta alcune sere fa, mentre all'ora dell'aperitivo vedevo un mio amico barman intento nella preparazione di questo cocktail estivo. Triturava il ghiaccio, sminuzzava la menta, mescolava lo zucchero di canna, spremeva del lime... e alla fine eccolo con questa piccola e strana boccetta in mano che ha scatenato la mia curiosità. Una, due, tre gocce ed ecco il mojito servito! Appena l'ho annusato e sorseggiato ho sentito l'angostura... Effettivamente una sensazione nauseante anche se quel drink cubano era tanto buono quanto rinfrescante.

Mentre lo gustavo la mia mente ha cominciato a fantasticare e ho iniziato a pensare a questo cocktail come metafora dell'integrazione o forse, più in generale, della vita. L'angostura da sola, come già detto, è assolutamente disgustosa, eppure, se mischiata agli altri ingredienti rende più squisito il prodotto finale. Per questo ho pensato di paragonarla alla disabilità, una realtà amara, alcune volte perfino maleodorante e nauseante al primo impatto, se lasciata da sola, se abbandonata a se stessa.

Dunque, mischiamo alcune gocce di disabilità/angostura con un po' di freschezza creativa/menta , un po' di fiducia/lime e due cucchiaini di dolce ironia/zucchero di canna. Aggiungere ghiaccio tritato/stima reciproca. Ecco creato un mojito/contesto fresco, rinfrescante e con effetto inebriante! La bravura del barman/educatore è dunque quella di saper dosare bene tutti gli ingredienti/qualità a disposizione, di mescolarli con giudizio fino ad arrivare ad incantare ed affascinare, durante la preparazione di questo mix di elementi/ingredienti, tutti i clienti di passaggio di questo bar/società.

Mentre finivo il mio cocktail ho pensato all'happy hour di Ligabue... "E la vita che non spendi che interessi avrà?". Bella domanda... quasi quasi ne bevo un altro! E voi quali ingredienti pensate di miscelare nel vostro cocktail preferito in questa lunga e calda estate? Bevete alla mia salute e scrivete a claudio@accaparlante.it o sulla mia pagina facebook. (Claudio Imprudente)