Introduzione

di Nicola Rabbi

Le associazioni, le cooperative sociali, i gruppi di volontariato (ma anche gli enti locali) sanno quanto sia importante, non solo fornire servizi efficienti alle persone disabili, ma anche promuovere una cultura diversa diffusa verso la popolazione in generale e non unicamente verso chi si trova a che fare con la disabilità. In particolare diventa importante dare una rappresentazione del disabile corretta, positiva, che sappia coniugare le potenzialità che chiunque può avere, in qualsiasi situazione (e il suo diritto ad una vita piena e felice) assieme ai limiti dolorosi che un deficit impone. Saper comunicare con queste modalità la situazione di una persona svantaggiata diventa dunque importante per modificare i pregiudizi e i luoghi comuni che continuano a pesare.
In questo numero monografico di Accaparlante abbiamo voluto raccontare come il privato sociale (associazione e cooperative sociali in primis) hanno investito una parte delle loro attività in azioni di comunicazione utilizzando strumenti diversi anche se la scelta dell’audiovideo, visto l’impatto che ha su una popolazione abituata all’immagine televisiva, ha una forte incidenza.
Abbiamo riportiamo esperienze diverse tra loro e realizzate in varie parti d’Italia. Dal concorso cinematografico “Cinemabili” proposto da realtà associative genovesi ai documentari dell’Associazione Italiana Persone Down (Aipd) di Roma passando per il festival dello spot di carattere pubblicitario organizzato dalla Ledha di Milano e per il Festival Internazionale delle Abilità Differenti di Carpi che coniuga teatro, musica, incontri e cinema. Ci siamo occupati anche di un’esperienza milanese di comunicazione via web dove, seppure la sua funzione sia molto rivolta verso gli utenti e quindi sia di carattere riabilitativo, per il fatto stesso di essere su internet la rende però pubblica. Sempre a Milano abbiamo riportato la pluriennale esperienza di “Giallo di sera”, il giornale dei Centri Socio-Educativi del comune di Milano. Infine il lavoro termina con un articolo di inquadramento teorico di cosa sia la comunicazione sociale del Terzo Settore.