2005/4 (monografia sulle madre disabili)

europa europa

01/01/2005 - Massimiliano Rubbi

la follia nell'età classica - o in Romania, oggi: gli istituti psichiatrici in un Paese prossimo membro UE

Volti di donne

01/01/2005 - Valeria Alpi

Con alcune di queste donne ho parlato solo per telefono; altre le ho incontrate di persona; una di loro l’ho “trovata” frequentando per qualche tempo un forum di discussione sul sito www.superabile.it,

Limiti fisici, psicologici, sociali: aspetti generalizzabili

01/01/2005 - Valeria Alpi

Prima di partire materialmente con le interviste, ho avuto uno scambio “epistolare” via e-mail con Delphine Siegrist, una giornalista francese, autrice del libro Osez être mère

Mamme. Nessun aggettivo dopo il punto

01/01/2005 - Valeria Alpi

Madri disabili: percorsi di adeguamento di sé tra difficoltà e soluzioni

Per documentarsi un po'

01/01/2005 - Valeria Alpi

Eccoci davvero alla fine di questo lavoro. Come accennato nell’introduzione, con questa breve bibliografia si vuole fornire uno spunto per documentarsi un po’ non solo sui temi trattati nella

Cosa succede fuori dall'Italia?

01/01/2005 - Valeria Alpi

All’estero esiste un vero e proprio accompagnamento che segue la persona disabile, desiderosa di diventare genitore, in tutte le fasi del ciclo di vita familiare nonché nei percorsi che essa vuole

Facilitare i gesti quotidiani

01/01/2005 - Valeria Alpi

Dopo tanta “vita vissuta”, vorrei tornare su una questione: è quando viene dimessa dall’ospedale e torna a casa col proprio bambino, che la madre disabile diventa una mamma “handicappata”,

"La madre resti tu. E tuo figlio lo sa benissimo"

01/01/2005 - Valeria Alpi

Quando ho realizzato le interviste, mi sono resa conto che neppure per me era facile fare tutte le domande che avevo in mente. Alcune di esse potevano risultare fastidiose e spinose per le mie interlocutrici,

Un fantasma in pizzeria: è la sindrome di Down

01/01/2005 - Francesco Ghighi di Paola

Il lavoro nobilita l’uomo e la donna, lavorare con lentezza, l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, il posto di lavoro è aggregazione, lavorare meno lavorare tutti, ma lavorare

La sottile linea rossa

01/01/2005 - Fabrizio Galavotti

Esistono due campionati: quello che tutte le settimane entra nelle nostre vite attraverso la televisione, i giornali, le radio, le discussioni da bar, i dialoghi in piazza, e quello meno rumoroso

Condividi contenuti