1994/33

Corpi in cronaca

01/01/1994 - Viviana Bussadori

C'è una specie di luogo comune che recita pressappoco così: "Le cattive notizie sono buone notizie". Quindi la notizia di una persona disabile, segregata per anni in un pollaio è proprio ciò che ci vuole per il giornalista a caccia di nuove emozioni; non per sé, si intende, ma per l'amato/odiato lettore, sempre più distratto, sempre più sommerso di messaggi quindi, sempre più sulla difensiva. Ma è sempre così? È sempre vero che quando si tratta di categorie deboli la regola è il sensazionalismo?

Condividi contenuti