Formazione nuovi gruppi Calamaio

La formazione di nuovi gruppi calamaio sul territorio nazionale

La formazione di nuovi "gruppi Calamaio" in Italia è uno dei principali obiettivi del Progetto Calamaio del CDH di Bologna. Finora questo evento è stato realizzato nelle città di Parma, Mogliano Veneto (TV), Ghedi (BS) e Cavriago (RE) dove i nuovi gruppi Calamaio sono già operativi. Una testimonianza dell’esperienza effettuata a Parma è rappresentata dal libro edito da UTET dal titolo "Progetto Calamaio". La formazione di questi nuovi gruppi dura alcuni anni e coinvolge il Progetto Calamaio anche nella realizzazione di incontri nelle scuole, ai quali partecipano, dapprima come uditori e successivamente sempre più in modo attivo, le persone che costituiscono i nuovi “gruppi Calamaio”.

L’obiettivo principale del corso è quello di dare la possibilità ai corsisti, sia a livello teorico che pratico, di sperimentare il metodo di lavoro del Progetto Calamaio. Per fare ciò è essenziale un lavoro su di sé, sulla propria autoconsapevolezza in quanto animatori/educatori (soprattutto per i corsisti con disabilità, senza i quali un gruppo Calamaio non esisterebbe). Un ulteriore obiettivo è quello di acquisire alcuni principi essenziali del nostro lavoro, sia per quanto riguarda l’animazione che per quanto riguarda il lavoro più propriamente educativo.

Riteniamo che una sfida molto importante sia il tempo di realizzazione di tutto questo. Siamo consapevoli che non sia così semplice «passare le consegne» formando un nuovo gruppo, ma allo stesso modo riteniamo sia importante per le persone coinvolte dal progetto non indugiare troppo e cercare di partire al più presto possibile. In questo modo si dà la possibilità anche ai più giovani di costruire un’ipotesi di lavoro più consistente e a tempo pieno. Oltre al corso in sé la nostra équipe si rende disponibile per un lavoro di consulenza anche per gli anni successivi. Per noi resta comunque importante sottolineare che riconosciamo soltanto i "gruppi Calamaio" da noi formati.

Ipotizziamo tre fasi di lavoro da realizzare nel seguente modo:

  • per il primo anno scolastico si realizzeranno degli stages di formazione da svolgersi durante il week-end che avranno il doppio obiettivo di creare il gruppo di lavoro attraverso un percorso che punta al raggiungimento della consapevolezza da parte dei singoli corsisti delle rispettive modalità di approccio alle relazioni, alla comunicazione e alla collaborazione all’interno di una èquipe di lavoro; di fare conoscere l’esperienza di Bologna ai nuovi corsisti, soffermandosi sui concetti chiave, la metodologia e gli strumenti del Progetto Calamaio,
  • la seconda fase si comporrà a sua volta di altri quattro stage di formazione con un coinvolgimento diretto dei corsisti negli incontri nelle scuole,
  • la terza e ultima fase di lavoro vedrà un intervento autonomo nelle scuole dei nuovi gruppi Calamaio con un lavoro di consulenza da parte della nostra équipe.