Claudio Imprudente

Integrazione come... incontro di formazione per genitori e anima-educatori

20/03/2010 - Claudio Imprudente, Roberto Parmeggiani, Sandra Negri

Dopo la divertente animazione rivolta ai bambini e ai ragazzi, realizzata dal Gruppo Calamaio la settimana scorsa, torneremo in provincia di Bergamo per realizzare due giornate di formazione rivolte agli adulti

Chissà se Zeus faceva le Olimpiadi o le Paralimpiadi...

12/03/2010 - Claudio Imprudente
afp_7763755_39530[1].jpg

La neve scende lenta sulle montagne e sulle città. E' inverno, direte voi, e sarebbe strano che non si verificasse. Peraltro, ogni segnale che rimandi ad una stagionalità più tradizionale e regolare (il ghiaccio, la neve, i pini imbiancati...) mi solleva, perché sembra (sottolineo, sembra) che le cose a livello climatico non vadano poi così male....potere dei simboli! Maledizione dei simboli!

Una sfida per la Chiesa

08/03/2010 - Claudio Imprudente

Nel numero di luglio/agosto del 2009 avevamo affrontato un argomento che mi sta molto a cuore, ovvero il rapporto tra Chiesa e disabilità. In quell’articolo ragionavo sul fatto che, pur essendosi occupata per prima dei disabili e pur avendone riconosciuto presto lo statuto di esseri umani, la Chiesa ha contribuito a creare e rafforzare degli stereotipi, faticando a immaginare la persona disabile come soggetto attivo, credente pieno e restituendo, quindi, anche all’esterno tale rappresentazione.

Un cartellone scomodo..e uno troppo comodo

18/02/2010 - Claudio Imprudente

Dalla vicenda di una contestata campagna pubblicitaria sulla disabilità in Svizzera a quelle italiane sulle figure "deboli" della società. Due casi a confronto nella riflessione di Claudio Imprudente. "Esempi che confermano quanto sia importante, anche per il Terzo Settore, porre la giusta attenzione alle pratiche, alle forme e agli strumenti di comunicazione"

Uguali o diversi?

03/02/2010 - Claudio Imprudente

Democrazia non è trattare tutti allo stesso modo, ma ognuno secondo le sue possibilità e abilità: ecco la maniera per coniugare diversità, opportunità e uguaglianza.

A tavola con Mago Merlino

02/02/2010 - Claudio Imprudente

Certamente tutti conoscete il cartone animato disneyano “La spada nella roccia”, dove si narra di Semola, giovane garzone di un burbero proprietario terreno, che viene notato da Mago Merlino, il quale capisce che il ragazzo ha quelle potenzialità che potranno fare di lui il celeberrimo re d’Inghilterra Artù. Così Merlino decide di curare l’educazione di Semola, insegnandogli che il cervello, al contrario del credo che (forse) imperava nel Medioevo, vale assai più della forza.

Una chitarra ritrovata

11/01/2010 - Claudio Imprudente

Circa tre anni fa sono stato invitato a Camisano Vicentino per un incontro con la cittadinanza su temi legati alla disabilità. La serata prevedeva degli stacchi musicali strumentali, che interrompevano i miei discorsi dando alle persone la possibilità di riflettere un po' su quanto appena detto...o meglio, questo forse era l'intento degli organizzatori, ma il musico era così bravo che credo che tutta l'attenzione della gente, in quei momenti, fosse concentrata sulle note che uscivano dalla sua chitarra e dalle sue dita.

Presidente ti scrivo

01/01/2000 - Claudio Imprudente

Caro Presidente
innanzitutto mi presento. Mi chiamo Claudio Imprudente, ho 39 anni e sono disabile (non-abile, per alcuni) o diversabile (abile in modo diverso, per altri): diciamo che, oggettivamente,

Iperprotezione? No grazie

01/01/1987 - Claudio Imprudente


La menomazione del figlio provoca soprattutto nella madre, un annullamento ditutti i progetti e di tutte le sicurezze createsi nei nove mesi di attesa etoglie ogni punto di riferimento identificatore

Vocazione alla castita? Chi l'ha detto

01/01/1988 - Claudio Imprudente

Il tema della sessualità nel mondo dell'handicap ha conosciuto negli anni
ottanta una fioritura di articoli e convegni che hanno proposto come chiave di
lettura unica questo pensiero: la sessualità per l'handicappato è un diritto.
Nel mondo cattolico questa riflessione si è sviluppata nella seguente frase:
l'handicap ha la vocazione alla castità. Per me non è così. perché la
vocazione è una chiamata, e ad una chiamata bisogna dare una risposta. io non
ho scelto di essere handicappato, e dunque l'handicap non può scegliere.

Condividi contenuti