Claudio Imprudente

Icone di libertà, Il messaggero di Sant'Antonio, Settembre 2015

09/09/2015 - Claudio Imprudente
coveraccaparlante.thumbnail.jpg

Papa Francesco ha più volte parlato di schiavitù e delle forme in cui si palesa nel mondo come nella quotidianità. Mi chiedo spesso se la disabilità possa o meno rientrare in una di queste forme… E se invece fosse paradossalmente un’icona di libertà? Come si può essere liberi nella diversità? E come i genitori, o più precisamente il padre, di un bambino con disabilità possono scoprirla nella relazione che li lega e darle spazio?
.

Vivere (e mangiare) facile! , Il messaggero di Sant'Antonio, Maggio 2015

04/05/2015 - Claudio Imprudente
expofacile-milano-2015.jpg

«O mia bela Madunina che te brillet de lontan / tuta d’ora e piscinina, ti te dominet Milan». Così cantava il ritornello della nota canzone popolare, perché «Milan l’è un gran Milan»!

Se la vasca è lunga un giorno..., Superabile, Aprile 2015

15/04/2015 - Claudio Imprudente
unavascalungaungiorno-150x124.jpg

 "Voglio restare tutto il giorno nella vasca con l'acqua calda che mi coccola la testa/ un piede fuori che s'infreddolisce appena, uscire solo quando è pronta già la cena/ mangiare e bere sempre e solo a dismisura senza dover cambiare buco alla cintura...". La vasca di Alex Britti è lunga un giorno intero...

Eravamo quattro amici al bar, Superabile, Aprile 2015

09/04/2015 - Claudio Imprudente
dscn4215fx2.jpg

Sono passati ormai diversi mesi dalla scomparsa di Franco Bomprezzi. Con questo articolo Claudio Imprudente desidera ricordalo così com'era, uno dei suoi quattro grandi amici e punti di riferimento con cui cambiare la cultura della disabilità tra conquiste, risate e un buon caffè.

Oggi mi sono svegliato con un'immensa voglia di fischiettare...Ma come si fa a fischiettare? Beh, si prende una canzone a caso, direte voi, ma il caso non esiste...E così ho cominciato a pensare a "Quattro amici al bar" di Gino Paoli.

La presenza-assenza, Messaggero di Sant'Antonio, Aprile 2015

01/04/2015 - Claudio Imprudente
uova gialle.jpg

Quest’anno ho pensato di colorare la Pasqua di giallo… Quello della risurrezione, infatti – ciò è innegabile –, è uno dei misteri più affascinanti che ci siano. Dalla sua iconografia, pressoché inesistente, al suo potere rivoluzionario, visto che, a distanza di duemila anni, a viverla in molte forme sono ancora le persone comuni, in un continuo saliscendi di cadute e rinascite.

Un Natale "smerlato", Il messaggero di Sant'Antonio, Dicembre 2014

04/12/2014 - Claudio Imprudente
natale smerlato.jpg

Spulciando tra le mie scartoffie ho ritrovato un vecchio articolo, datato 1986, a proposito dei sacchetti della Caritas destinati a raccogliere gli indumenti per i cosiddetti «bisognosi».

Un paradosso sul tetto del mondo, Il messaggero di Sant'Antonio, Giugno 2014

04/06/2014 - Claudio Imprudente
download.jpg

Forza Mario! Come quale Mario? Vi ricordo che tra pochi giorni partono i mondiali di calcio brasiliani e il nostro Balotelli, il Mario nazionale per l’appunto, avrà la responsabilità di farci ancora vivere e godere quelle notti magiche del 1982 e del 2006.

La pioggia su Nelson, Il Messaggero di Sant'Antonio, Maggio 2014

05/05/2014 - Claudio Imprudente
Nelson.jpg

Sapete che differenza c’è tra Italia e Africa? Quando piove, in Italia la gente esclama «governo ladro!»; in Africa, invece, quando piove si dice che «il cielo piange la scomparsa di un grande uomo»… È proprio quanto è successo lo scorso 15 dicembre al funerale di Nelson Mandela, una vera icona, un simbolo politico e morale che ha fatto della sua parola di pace e uguaglianza un’azione capace di cambiare il volto e la storia del suo Paese, il Sudafrica, e non solo.

Il diversamente cielo, Il messaggero di Sant'Antonio, Aprile 2014

17/04/2014 - Claudio Imprudente
nuvole.jpg

È tempo di risurrezioni, il tempo – riflettevamo insieme un anno fa – in cui il sasso del Sepolcro rotola via, così come i macigni e i pesi delle nostre convinzioni possono scivolare fino ad aprire le porte, fino a farci rinascere. Può accadere anche a chi è più cresciuto, a chi pensa di avere idee e personalità ormai fatte e finite e di averle già viste tutte nella vita. È quello che è accaduto al papà di Miriam – bambina con disabilità –, che ha voluto raccontarmi il suo vissuto.

Condividi contenuti