“Passi di Libertà”: il trekking urbano alla scoperta delle Biblioteche specializzate di Bologna

Venerdì 30 ottobre arrivano i “Passi di Libertà”, le passeggiate tra le biblioteche specializzate di Bologna, promosse dalla Rete Specialmente in Biblioteca.

Due percorsi di trekking urbano per scoprire il ricco patrimonio di documenti e le numerose attività delle biblioteche specializzate di Bologna, con letture finali a cura di Giulia Trivero e Jacopo Trebbi di ERT, Emilia-Romagna Teatro Fondazione.

Il 1° percorso partirà alle ore 10 presso la Facoltà Teologica di Piazzale Bacchelli 4, e si concluderà alle ore 12.30 presso la Cineteca di Bologna in Piazzetta Pasolini 3. Durante il tragitto si scopriranno il patrimonio e le attività di Biblioteca della Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna, Biblioteca della Salute mentale e delle Scienze umane Minguzzi-Gentili, Centro di Documentazione F. Madaschi Cassero LGBT Center, Biblioteca R. Renzi della Cineteca.
Inoltre durante il percorso verranno date informazioni sulle biblioteche di: Centro Amilcar Cabral, Istituto Parri, Centro Documentazione e Intercultura RiESco del Comune di Bologna.
Una lettura finale a cura di Giulia Trivero e Jacopo Trebbi di ERT, Emilia-Romagna Teatro Fondazione conclude il percorso.

Il 2° itinerario partirà alle ore 15 presso la Biblioteca Scienze Educazione in via Filippo Re 6, e si concluderà alle ore 17.30 presso la Biblioteca Italiana delle Donne in via del Piombo 5/7. Durante il tragitto si scopriranno le biblioteche di Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, Biblioteca IBC G. Guglielmi, Biblioteca Museo Internazionale e Biblioteca della musica, Biblioteca Italiana delle Donne.
Inoltre durante il percorso verranno date informazioni sulle biblioteche di: Dipartimento di Psicologia, Centro Documentazione Handicap, Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.
Una lettura finale a cura di Giulia Trivero e Jacopo Trebbi di ERT, Emilia-Romagna Teatro Fondazione conclude il percorso.

I percorsi saranno svolti in ottemperanza alla normativa vigente in materia di prevenzione del contagio da Covid 19.
Per partecipare occorre iscriversi compilando il formulario >>

Per ogni percorso sono previsti al massimo 20 partecipanti. La partecipazione è gratuita.

L’iniziativa si colloca in continuità con Specialmente in Libertà, il progetto di sensibilizzazione alla libertà di espressione e di sostegno ai diritti civili, ideato dalla Rete delle biblioteche.

Per informazioni:
minguzzi@cittametropolitana.bo.it
tel. 0516598455
https://specialmenteinbiblioteca.altervista.org

“Specialmente in libertà”: un progetto fotografico della Rete delle biblioteche specializzate, per sostenere Patrick Zaki e i diritti civili

Sensibilizzare alla libertà di espressione e sostenere la difesa dei diritti civili: sono gli obiettivi di “Specialmente in libertà”, la nuova iniziativa promossa da Specialmente in Biblioteca, la Rete delle biblioteche specializzate di Bologna, di cui anche il Centro Documentazione Handicap fa parte.

Durante i difficili mesi del lockdown, la Rete non ha smesso di incontrarsi, condividere e approfondire il presente. Osservando il protrarsi della prigionia di Patrick George Zaki, studente egiziano all’Università di Bologna, arrestato a Il Cairo il 7 febbraio 2020 in circostanze non ancora chiarite, la Rete ha deciso di prendere parola creando un progetto fotografico e un’installazione permanente.

A partire da lunedì 12 ottobre ciascuna delle biblioteche aderenti ospiterà la stessa installazione: un collage fotografico originale che ritrae funzionari e visitatori di questi spazi, impegnati a “donare” una frase selezionata dagli scaffali di ciascuna biblioteca.
Quindici volti da quindici diverse sedi. Un pensiero a Patrick Zaki e a tutte le persone, nel mondo, private della propria libertà.

Gli scatti fotografici sono di Teo Rinaldi e l’elaborazione grafica è a cura di Francesco Vallieri.

Aderiscono alla Rete: Biblioteca Giuseppe Guglielmi-Istituto beni artistici culturali e naturali Regione Emilia-Romagna, Biblioteca Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna, Biblioteca della salute mentale e delle scienze umane “Gian Franco Minguzzi – Carlo Gentili”, Centro Documentazione e Intercultura RiESco – Comune di Bologna, Biblioteca della Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna, Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, Centro Documentazione Handicap, Biblioteca Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Biblioteca Italiana delle Donne, Biblioteca Amilcar Cabral, Biblioteca Mario Gattullo Dipartimento di Scienze dell’Educazione UniBo, Centro Documentazione Flavia Madaschi Cassero LGBTI Center, Biblioteca Silvana Contento Dipartimento di Psicologia UniBo, Biblioteca Renzo Renzi Cineteca di Bologna Centro Studi/Archivio P.P. Pasolini.

Arrivano le “Storie per tutti di pace”, in una edizione speciale come sempre accessibile a tutti

Ricominciano le Storie per tutti, con una edizione speciale, tutta online e dedicata ai temi della pace.

“Storie per tutti di pace” punta infatti sul valore potente, educativo e formativo della narrazione, delle storie condivise, come spazio di incontro e dialogo, per sostenere con forza e determinazione una cultura di pace e non violenza, di valorizzazione delle diversità e di pari opportunità.

La rassegna, disponibile sul sito di Storie per tutti e sulla pagina Facebook dedicata, è rivolta sia ai bambini che agli adulti che lavorano con le nuove generazioni e prevede diverse attività. Ci saranno storytelling digitali, cioè delle vere e proprie video-letture create con diverse tecniche di animazione digitale e rese fruibili e accessibili anche a chi ha delle disabilità e a chi non riesce ad accedere al libro in maniera non convenzionale. Ci sarà una sezione di cartoline digitali, per condividere le proprie impressioni sulle video-letture: ognuno potrà inviare un racconto, una foto, un disegno, o qualunque altro mezzo espressivo per condividere il proprio pensiero. Ci sarà poi una sezione dedicata alla “cassetta degli attrezzi”, con un insieme di materiali (recensioni di libri, film, musica, articoli, interviste, ecc.) indirizzato a chi lavora attivamente nell’educazione delle giovani generazioni, tenendo come focus la cultura della pace. Infine, alcuni appuntamenti formativi con il coinvolgimento di esperti, sulla risoluzione non violenta dei conflitti per la convivenza pacifica e nel rispetto dei diritti umani.

Ogni mese, da ottobre a dicembre, avrà poi una sua declinazione specifica: a ottobre “Per una cultura della pace e della non violenza… insieme a Rodari!”, a novembre “Per il diritto alle pari opportunità”, a dicembre “Il valore della diversità”.

La prima video-lettura, accompagnata da animazioni in simboli e LIS, è prevista per sabato 10 ottobre alle ore 11, con il libro di Gianni Rodari Uno e sette.

Per tutta la rassegna segui www.storiepertutti.it, www.facebook.com/Storiepertutti

 

“Per una scuola fantastica”: il convegno per celebrare Rodari e riflettere sulla scuola di oggi

Come possiamo oggi declinare la didattica affinché sia più adeguata a rispondere alle domande di apprendimento che pongono gli studenti? Cosa intendiamo per didattica inclusiva? E l’outdoor education è davvero un’opportunità?

Cosa la creatività di Gianni Rodari può ancora dire agli insegnanti?
Di tutto questo si parlerà al convegno nazionale “Per una scuola fantastica: Rodari e il semaforo blu”, promosso dal Comune di Sasso Marconi e in programma sabato 10 ottobre nelle sale del Borgo di Colle Ameno.

L’evento, che prevede una sessione plenaria dalle ore 9 alle 12.30 e laboratori tematici a scelta dalle 14.30 alle 17, è rivolto in particolar modo a insegnanti ed educatori, ma aperto a tutti coloro che lavorano per e con la scuola e a chiunque sia interessato a costruire una riflessione critica sulla didattica contemporanea, partendo dall’eredità di Gianni Rodari.
Il programma prevede interventi e testimonianze sul valore della creatività a cura di scrittori, docenti e addetti ai lavori, e laboratori tematici realizzati in collaborazione con Fondazione Guglielmo Marconi, ANPI, Ecosistema e Cooperativa Accaparlante, per declinare il concetto di didattica nei campi dell’arte, della scienza, nella storia, nella natura e nel mondo della disabilità.

Il convegno sarà anche il primo momento pubblico, dopo il lockdown, in cui verrà presentata la nuova collana editoriale “i libri di accaParlante, in particolare il volume A scuola è il respiro del mondo. La lezione accessibile per valorizzare tutti gli allievi di Giovanna Di Pasquale, Edizioni la meridiana.

Per iscriversi al convegno e ai laboratori >>

Programma completo >>

La Biblioteca del CDH

La Biblioteca del Centro Documentazione Handicap è aperta dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30.
Le modalità di prestito e restituzione avverranno solo su appuntamento.
Si può richiedere il prestito tramite catalogo (per chi è già iscritto in biblioteca), mail (biblioteca@accaparlante.it) e telefono (0516415005).

I lettori potranno utilizzare anche il servizio di document delivery, per ricevere riproduzioni di documenti a casa, via mail, nel rispetto del diritto d’autore (ad esempio saggi pubblicati in periodici, pagine di un libro).

Nell’impossibilità di poter svolgere in  presenza alcuni servizi la biblioteca CDH offre la possibilità di avere una consulenza a distanza e/o on line per tesi o per ricerche bibliografiche con le seguenti modalità:

  • consulenza tesi: scrivete a biblioteca@accaparlante.it  indicando l’argomento della tesi e allegando, se possibile, l’indice. Lasciate un recapito telefonico, indicando anche la fascia oraria in cui siete più facilmente raggiungibili. Verrete contattati nell’arco di una decina di giorni. Insieme al personale della biblioteca verrà valutata la possibilità anche di un collegamento video per discutere insieme l’argomento prescelto.
  • ricerche bibliografiche: scrivete a biblioteca@accaparlante.it indicando l’argomento e l’arco temporale su cui volete venga svolta la ricerca. Specificate se vi interessa anche un approfondimento sugli articoli di riviste specializzate.

Biblioteca del CDH
via Pirandello 24, Bologna
tel. 0516415005
email biblioteca@accaparlante.it

Dal Governo, contributo per le biblioteche da spendere in libreria

Con il DM del 04/06/2020, alle biblioteche che ne faranno richiesta sarà riconosciuto un contributo per l’acquisto di libri da aggiungere al proprio patrimonio librario.

Ogni biblioteca infatti, in base al patrimonio librario che già possiede, può chiedere un contributo che va dai 1500 euro fino a un massimo di 7000 euro. Il contributo dovrà poi essere speso entro e non oltre 30 giorni dall’accredito, presso almeno 3 librerie del territorio in cui la biblioteca si trova.

Se sei una biblioteca, o sei un lettore che vorrebbe trovare nella propria biblioteca alcuni libri specifici, puoi usare il contributo, o puoi suggerire alla tua biblioteca di usare il contributo, per l’acquisto delle nostre due collane editoriali, realizzate con Edizioni la meridiana:

  • I libri di accaParlante: una collana che parla di accessibilità non solo fisica, ma anche alla comunicazione, alla conoscenza, alla cultura, al fare e saper fare, alla relazione con la diversità. Naturale evoluzione della rivista “HP-Accaparlante” del Centro Documentazione Handicap di Bologna, la collana propone approfondimenti di taglio divulgativo ed esperienziale, ed è uno strumento necessario per educatori, operatori sociali e insegnanti, per chi ha che fare direttamente o indirettamente con la disabilità, perché la cultura della diversità non riguarda solo una categoria di cittadini ma la comunità tutta.
    Della collana sono già disponibili i primi tre libri, sul tema del viaggio, sulla lezione in classe, sulla scrittura semplificata per essere comprensibile a tutti. E altri due libri sull’accessibilità museale e sull’accesso alla pratica sportiva sono in uscita.
  • Parimenti. Proprio perché cresco: una collana che favorisce l’accessibilità al libro a un pubblico di lettori giovani-adulti con disabilità cognitive, fino ad ora non raggiunti da alcun editore. Parimenti propone libri tradotti in simboli INBook per offrire a tutti (tutte le mentiparipossibilità di accessibilità alla lettura e dunque alla conoscenza, premessa irrinunciabile per un esercizio attivo della cittadinanza. Proprio perché cresco è la risposta al bisogno da parte dei ragazzi di avere strumenti (in questo caso libri) adatti alla loro età e simili nei contenuti ai libri dei loro coetanei.
    Della collana sono già disponibili Il diario di Anna Frank e Dracula, e sono in uscita alcuni racconti di Rodari.

Le domande per ricevere il contributo devono pervenire entro il 20 luglio 2020 compilando il form online >>

Storie per Tutti riparte online e ci porta “in viaggio”

Dopo la pausa dovuta al lockdown tornano le “Storie per Tutti“, il progetto di letture accessibili ad alta voce, promosso dal CDH Centro Documentazione Handicap di Bologna, rivolto all’infanzia, che propone narrazioni fruibili anche da chi non riesce ad accedere al libro in maniera convenzionale a causa di disabilità o dai bambini che non conoscono ancora bene la lingua italiana. Per adeguarsi alle nuove regole sociali anti-assembramento il percorso delle Storie riparte in un’inedita veste online e con nuovi contenuti. Sabato 13 giugno, alle ore 11.00, nella pagina facebook di Storie per Tutti sarà infatti pubblicata la prima di una serie di video-letture che accompagneranno i bambini e gli adulti nei mesi estivi.

Oltre alle video-letture, Storie per tutti On-line sarà un contenitore culturale che proporrà recensioni di libri accessibili, film, giochi, interviste, articoli, con l’intento di integrare e intrecciare linguaggi e modalità di fruizione diverse, cercando anche di dare spazio al pubblico che, oramai da 4 anni, segue le Storie, a Bologna e in varie parti d’Italia, coinvolgendolo attivamente.

Il tema di Storie per Tutti On-line sarà, durante giugno e luglio, il viaggio: dal viaggio fantastico, al viaggio di chi viene da lontano, alla mobilità sostenibile.

Per informazioni e aggiornamenti:
3343236903 – storiextutti@gmail.com
www.storiepertutti.it
www.facebook.com/Storiepertutti

Centri per Bambini e Famiglie online per tutti

“Il Tempo dei Giochi”, il Centro per Bambini e Famiglie del Quartiere Saragozza (via dello Sport 25), prosegue per via telematica lo sportello di ascolto gratuito e accessibile per bambini 0-6 anni, anche con bisogni specifici, e le loro famiglie, in questi giorni ancora critici a causa della pandemia da Coronavirus.

I colloqui, completamente gratuiti, saranno condotti per via telematica da Sandra Negri, consulente educativa, della coppia e della famiglia della Cooperativa Accaparlante/Associazione Centro Documentazione Handicap di Bologna.

Lo Sportello è uno spazio di incontro, confronto e sostegno sulle tematiche educative, le criticità e gli eventuali dubbi e insicurezze che si possono presentare nel percorso di crescita di ogni genitore e di ogni bambino, sia nelle situazioni ordinarie che in quelle “straordinarie”, dovute alla presenza di più specifiche e particolari difficoltà, come quella, del tutto inaspettata, che stiamo vivendo.

“L’ascolto – spiega la consulente – ci permette di entrare in contatto con le vicissitudini della famiglia per dare così forma al racconto della loro vita. Quello che viene proposto ai genitori è quindi uno spazio d’incontro, accogliente e tranquillo, che permetta di entrare in relazione con le proprie paure, difficoltà, inadeguatezze e aspettative, dentro e fuori l’emergenza in atto. Raccontare significa far emergere particolari, eventi o situazioni che colmano lunghe zone d’ombra e di silenzi”.

Per avere un appuntamento è possibile scrivere a: sandra@accaparlante.it , indicando un proprio recapito telefonico, oppure chiamare il 3385989553

Il genitore sarà ricontattato direttamente dalla consulente per fissare il colloquio.

Per ulteriori informazioni: cbfiltempodeigiochi@comune.bologna.it

Il Tempo dei Giochi e i CBF del Comune di Bologna partecipano al progetto metropolitano “Trame educative”.
Progetto in collaborazione con: Comune di Bologna, IES, Cooperativa Sociale Quadrifoglio, Scuola è Bologna, Trame Educative.

Il comunicato stampa >

Il corpo delle donne con disabilità

Sarà presentato giovedì 27 febbraio alle ore 17, alla Biblioteca Italiana delle Donne di via del Piombo 5 a Bologna, il libro Il corpo delle donne con disabilità. Analisi giuridica intersezionale su violenza, sessualità e diritti riproduttivi (Aracne, 2018) di Sara Carnovali, dottoressa di ricerca in Diritto costituzionale con all’attivo diverse pubblicazioni in tema di diritti delle persone con disabilità e discriminazioni multiple.
A discutere con l’autrice saranno Martina Gerosa, architetta-urbanista, esperta di comunicazione e disability & accessibility manager, e Valeria Alpi, giornalista e formatrice del Centro Documentazione Handicap di Bologna.

Le donne con disabilità sono spesso vittime di discriminazioni multiple, a causa dell’intersezione tra i fattori “disabilità” e “genere”. Seguendo una prospettiva di tipo intersezionale, il volume parte dall’analisi dei diritti umani delle persone con disabilità, a livello nazionale e internazionale e ponendone in luce i profili di maggiore rilievo costituzionale, per poi indagare il tema della violenza, tra le normative a tutela e le barriere ai percorsi effettivi di uscita, e concludersi con un’analisi degli ambiti, finora meno esplorati dalla ricerca, della sessualità e dei diritti riproduttivi.
Un’opera su un tema fin qui trascurato dalla letteratura (anche quella sull’uguaglianza di genere) e con pochi dati a disposizione, che cerca di fare uscire le donne con disabilità dalla loro “inessenzialità sociale” e aprire nuovi campi di ricerca.

La presentazione, con ingresso libero, si svolge in collaborazione con il Centro Documentazione Handicap.