Uno sguardo d'insieme

01/01/2001

Questo primo blocco di articoli cerca appunto di articolare il tema che abbiamo scelto da un punto di vista generale, analizzando le problematiche e risorse che un diversabile incontra non appena si chiede dove, come, quando e anche perché fare sport. Appare chiaro fin da subito che il mondo dello sport non è immune dalla capacità di chi ha un deficit di mettere in crisi qualsiasi struttura con la quale entra in contatto. Nello stesso tempo, superata la crisi, è altrettanto evidente tutta la positività e ricchezza che è presente nelle discipline per i diversabili. Anzi, spesso il mondo sportivo dei diversabili, forse perché ancora giovane ed entusiasticamente sperimentale, appare ancora incontaminato dalle spinte (soprattutto il mercato e l'esasperato agonismo) che hanno corrotto i valori dello sport. Prima o poi si scoprirà (se non si è già scoperto!) il doping anche negli atleti con deficit, ne siamo sicuri: forse l'integrazione vuol dire anche questo. Per adesso soffermiamoci sulla creatività presente nel connubio handicap e sport: ha molto da insegnare.

Parole chiave:
Sport