Siti web e soggetti disabili

01/01/2005 - Nicola Rabbi

Come sono organizzati i siti web che si occupano di disabilità in lingua italiana? Che tipo di informazione danno e quanto sono utili? Nel 1997 ho cercato di rispondere a queste domande pubblicando un libro (assieme a Carlo Giacobini) intitolato “L’handicap in rete”, dove, attraverso l’intervista a una ventina di gestori di siti e l’analisi indiretta di un altro centinaio, avevamo descritto come il mondo dell’associazionismo dedicato al tema della disabilità usava i nuovi strumenti del comunicare. In realtà nel libro avevamo fatto di più; avevamo illustrato il funzionamento delle mailing list e dei newsgroup tematici e avevamo realizzato una storia della telematica sociale. La telematica non si è subito identificata con internet ma è qualcosa che inizia ben prima dell'avvento della grande rete, e questa è una storia poco conosciuta. Per chi volesse leggere il testo, che è costantemente aggiornato e ancora attuale in alcune parti, lo può trovare on line a questo indirizzo web: www.accaparlante.it/cdh-bo/informazione/handicapinrete/index.htm. Il lavoro era stato realizzato nel ’97 in un periodo in cui gli utenti internet in Italia erano poche centinaia di migliaia e non i milioni di oggi. Le pagine web in lingua italiana non contenevano animazioni, file audio o video, ma offrivano per lo più testi e immagini.

Una nuova ricerca

Recentemente la IULM (Libera Università di Lingue e Comunicazione) di Milano ha prodotto una ricerca proprio sull’argomento, utilizzando una metodologia più rigorosa, e questa novità ci offre l’occasione per avere un quadro dei siti web che oggi in Italia si occupano di disabilità. Il sito, che raccoglie i risultati dell’indagine, lo potete trovare a questo indirizzo web: www.noprofitlab.net.
Sono 177 i siti delle associazioni analizzati, alcuni direttamente (indagine sul campo), altri visitando semplicemente il sito (indagine sul desk).
Dall’analisi risulta che è cambiata la consapevolezza  nei confronti del mezzo; da un uso del sito come un depliant o una semplice vetrina, si è passati alla realizzazione di strumenti di comunicazione interna (rivolta agli associati) e per la visibilità esterna, fino ad arrivare all’idea di fornire dei servizi. Il web oggi è utilizzato dal mondo dell’associazionismo per informare, creare degli archivi, far circolare le “buone prassi”, e si cerca anche di offrire della consulenza e della formazione on line. Dall’indagine svolta sul campo si nota che la posta elettronica è molto utilizzata, mentre la frequenza con cui vengono aggiornate le pagine web è ancora molto scarsa (solo la metà dei siti esaminati direttamente viene aggiornata settimanalmente o mensilmente).
L’indagine sul desk punta invece a mettere in rilievo altri fattori; la maggior parte dei siti ha un buon livello di usabilità (intendendo con questo termine “la proprietà di un servizio digitale che lo rende ‘facile’ da navigare e usare”). Più carente invece è l’usabilità dei contenuti, ovvero vengono scritte pagine con testi troppo lunghi, che si presentano graficamente male (per non parlare dell’uso di immagini troppo pesanti da scaricare) e con dei link poco chiari. La mancanza di risorse ad hoc è il motivo, sostengono i curatori della ricerca, di queste carenze professionali.

Le community e i servizi on line: un’utopia ancora lontana?

Dalla ricerca emerge la scarsa diffusione degli strumenti di community, ovvero la mancanza di mailing list, forum, chat, proprio quegli strumenti che permettono una partecipazione più attiva degli utenti (associati) che nel caso della disabilità sono le voci, importantissime, dei disabili, dei genitori, degli operatori sociali.
Anche i servizi on line sono offerti solo da una minoranza dei siti esaminati e quei pochi riguardano soprattutto la consulenza medica e psicologica.
Fermiamoci ora un attimo sull’utilità dei servizi on line con alcune considerazioni. La loro efficacia dipende molto da che cosa si vuole offrire, avendo ben presenti i limiti che il mezzo ancora presenta. Uno sportello on line non può sostituire certo il servizio offerto da uno sportello reale o anche da un semplice sportello telefonico, dato che la presenza dell’operatore permette uno scambio insuperabile (nemmeno da una chat). Servizi on line efficaci, con la tecnologia di oggi, sono quelli che offrono dei prodotti molto definiti, che rispondono a domande precise (l’offerta di documenti scaricabili, la presenza delle FAQ, banche dati relativi a indirizzari di associazioni, volontari…).

Quanti utenti?

Stranamente la ricerca non dice nulla sul numero di visitatori di questi siti. Eppure questo è un dato importante; sapere se giornalmente l’home page viene letta da 500 persone o da 50 significa che il sito, grazie alle informazioni interessanti che offre o alla community particolarmente brillante, attira degli utenti e che questi ritornano perché hanno trovato in un angolo della rete un posto veramente utile e importante per loro.
Un ultimo dato quantitativo per concludere: le regioni con più siti che si occupano di disabili  (e che sono stati recensiti nella ricerca) sono la Lombardia (47), il Lazio (35) e l’Emilia-Romagna (17). Seguono il Veneto (13), la Toscana (12) e il Piemonte (10).