A Dozza Imolese la proiezione de "L'isola dei sordobimbi"

03/12/2010
locandina sordobimbi

Sabato 4 dicembre alle ore 21 presso il teatro comunale di Dozza in via XX Settembre 51 vi sarà la proiezione del documentario di Stefano cattini "L'isola dei sordobimbi" (Italia 2009). L'evento è promosso dal Teatro comunale di Dozza e la Compagnia teatrale della Luna crescente in collaborazione con l'associazione Centro Documentazione Handicap.

Introduce Nicola Rabbi del Centro di documentazione Handicap di Bologna (CDH) e Accaparlante Coop Sociale.
La proiezione sarà accessibile con sottotitoli per non udenti.

Il documentario racconta le difficoltà e le sfide che, giorno dopo giorno, i bambini sordi di una scuola gestita da suore in provincia di Modena sono costretti ad affrontare per imparare a parlare e a relazionarsi con i bambini udenti.

"I bambini sordi hanno una gestualità molto bella e una grande spontaneità. Molti di loro imparano, già a 3 o 4 anni a vivere lontano da casa e ad affrontare grandi sacrifici. I più piccoli sono aiutati dai più grandi ma debbono riuscire presto a tirare fuori i muscoli per non essere sopraffatti. Sono bambini molto autonomi, talvolta persino un po' selvaggi. Ho seguito alcuni di loro per un anno raccontandone i bizzarri percorsi attraverso un film documentario di 80 minuti scegliendo di usare un linguaggio di tipo cinematografico, senza interviste o voce fuori campo. All'inizio il processo di apprendimento dei bambini sordi, così lento e complesso, era al centro del mio interesse. Molti di loro debbono lavorare duramente già a partire dai 3 anni di età per imparare a leggere le parole dalle labbra e a fare uscire suoni compiuti dalle proprie bocche. Tuttavia, dopo aver conosciuto meglio i piccoli ospiti della scuola, ho capito che i metodi didattici assumevano sempre meno importanza nell'insieme del vasto e articolato mondo dei bisogni del bambino. Così, il fulcro della narrazione del mio documentario si è rivelato essere la comprensione della miriade di piccoli e grandi gesti che servono quotidianamente per sopperire i piccoli e grandi bisogni dei bambini. Credo veramente che questi gesti stiano alla base di ogni percorso educativo e formativo rivolto ai bambini, indipendentemente dal fatto che essi siano sordi o perfettamente udenti. Esistono ancora scuole in cui è possibile un atto d'amore verso la diversità, in cui si vuole credere che il diverso non sia necessariamente inferiore, in cui l'integrazione tra mondi altri è possibile, esempi concreti di ''educazione alla democrazia''. (Stefano Cattini)

Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 347 5548522 - 339 2294412
lunacrescente@tin.it
www.comune.dozza.bo.it

Parole chiave:
Video