Davanti allo specchio

01/01/1995 - Cristina Pesci

L'immagine più ricorrente riferita dalle persone handicappate è quella della frattura. La ferita fisica rimane un dato inevitabile; è in ogni caso un'immagine specifica che porta in sé l'idea di un corpo spezzato, rotto, oggetto di rifiuto e rivendicazione. Il corpo è percepito come luogo di sentimenti ambivalenti perché luogo della propria diversità, rappresentazione di una parte di sé che non risponde ai propri desideri, sia di ordine funzionale che relazionale.
"Mi risulta difficile fare un discorso sul rapporto tra me e il mio corpo, anche perché non è un rapporto fisso ma in continuo cambiamento.Posso dire che ho raggiunto un discreto grado di convivenza".
"Non è tanto il rapporto con il proprio corpo, ma piuttosto la diversità che è intrinseca al corpo, quella che può crearmi problemi".
"Il corpo è espressione di ciò che noi siamo per cui, se il corpo non rispetta ciò che c'è nella persona, si crea una sorta di schizofrenia".
"Facendo riferimento ad un mio vissuto, il discorso della divisione tra corpo e mente si può sintetizzare in questo modo: una svalutazione del corpo e forse una eccessiva valutazione delle capacità intellettive".
"Le persone con handicap possono avere possibilità intellettive e di sensibilità forse maggiori, ma bisogna stare attenti perché si rischia di fare un discorso di sopravalutazione: com'è bravo e sensibile, com'è umano, com'è dotato".
"Si rischia di fare la figura del sano tra gli handicappati: molto spesso noi handicappati privilegiamo la mente rispetto al corpo, oppure neghiamo il nostro corpo".
"In una persona con handicap strettamente fisico può aggiungersi un handicap psicologico; ad esempio un giorno una signora mi ha detto che sarei stato un bel ragazzo se non avessi avuto quei movimenti bruschi. Allora qual è il mio corpo? Quello teso o quello rilassato?"
"Prima di dire "gli altri" bisogna pensare a se stessi, a come noi handicappati ci percepiamo"
"Una cosa possibile, che non era ancora venuta fuori, è una fuga reciproca, una reazione di paura; tutti e due si vedono come diversi".

La lesione reale e quella fantasmatica

Tener conto di questi passaggi può permettere il capovolgimento dialettico di molte rappresentazioni e quindi rendere più consapevole il corpo che deve essere riparato. Occorre riconoscere la necessità di un sentimento di lutto nei confronti di ciò che è stato perso, permettendo il riconoscimento e l'accettazione, da parte del bambino, delle proprie difficoltà, riaffrontando in un certo senso gli effetti della lesione sulla propria immagine, anche in chiave simbolica: riconoscimento e accettazione del corpo leso, ferito. In definitiva permette di affrontare la contraddizione tra lesione reale e lesione fantasmatica, collegata strettamente all'immaginario di chi vive a contatto con l'handicap, indipendentemente dal ruolo che riveste.
Le esperienze percettive, motorie e affettive, così strettamente connesse, possono essere proposte attraverso il corpo piuttosto che nonostante il corpo.
Il cerchio si può allora chiudere proprio tenendo conto dello strumento di relazione che il corpo, l'immagine di sé, il movimento, rappresentano, contrapposti alla "reazione a catena" che parte dall'assimilazione di corpo e handicap in un'unica dimensione, passa attraverso il diniego dell'handicap e può arrivare alla negazione della corporeità.
Credo che l'immagine corporea, la rappresentazione di sé possa essere descritta come un mosaico che via via si completa di tasselli sempre nuovi e diversi, nell'arco di un'intera esistenza. Come spesso accade, esiste uno sfondo nel progetto che guida la scelta e l'accostamento di ogni singola tessera di quel mosaico, così come nelle aspettative di un genitore che attenda la nascita del figlio si confondono e contemporaneamente si delineano immagini ideali e fantasmi che trovano poi una collocazione nell'incontro che madre, padre e bambino hanno al momento della nascita.
Il termine "incontro" volutamente sottolinea come la nascita sia in effetti il momento in cui, per la prima volta dall'inizio della gravidanza, madre e bambino si trovano uno di fronte all'altra e la loro relazione si arricchisce di rappresentazioni che rendono reale alla madre l'immagine del proprio bambino atteso. Comprendere la violenza della delusione e il senso di fallimento ed impotenza che la donna sperimenta alla nascita di un bambino con handicap diventa punto determinante per lo sviluppo, da parte della madre, della capacità di accettare il nuovo bambino che è totalmente dipendente da lei.

Il lavoro riabilitativo

Si comprende come il sostegno di questa parte del vissuto personale possa essere fortemente amplificato in ambito riabilitativo: il contatto e lo scambio corporeo sono al tempo stesso luogo del non corrispondente, ma anche paradossalmente luogo del possibile riscatto.
In fondo penso che il lavoro riabilitativo comporta la progressiva reciproca scoperta dei possibili successi e dei possibili limiti senza che uno dei due aspetti implichi inevitabilmente l'esclusione dell'altro. Questo richiede il riconoscimento di una forte carica ambivalente che tale comunicazione porta con sé, per la famiglia, per il bambino, per l'operatore.
Credo che tener conto di questo favorisca la possibilità di un processo di autostima e di identificazione costruttiva come basi fondanti di un lavoro che comunque muove i fili di una "storia" personale, di un'identità possibile anche se spesso difficilmente immaginabile e prevedibile per la persona handicappata perché priva di consueti modelli positivi e codificati da prendere come riferimento. Costruire, da parte del bambino, la propria immagine, la propria storia, in questi termini è un po' come dipingere il proprio autoritratto senza potersi guardare allo specchio.
La storia di molte persone handicappate, ora adulte, è fatta di tanti _stai dritto, stai su, solleva i piedi, manda giù, appoggia bene la mano.." di tante cinghie per stare in piedi legati ai tavoli di statica, di scarponi come ferri da stiro, di tutori, di docce, di busti, di cuciture sulla pelle per trovare un modo per camminare, o comunque per qualcosa che più da vicino assomigli allo stare in piedi, o almeno seduti. E' fatto di tanti anni passati in letti di ospedali, di centri di riabilitazione in cui il sabato e la domenica si riconoscevano perché non si faceva ginnastica, non si mettevano le docce; di angoli propri veramente pochi, di nascondigli, di giochi lo stesso, ma i giochi erano anche far fare ginnastica alla bambola, fare la terapista o il dottore (si gioca lo stesso al dottore!). Difficile invece capire come gioco la paura del vuoto, del cadere e dello stare in piedi, del non tenersi stretto, dello stare sdraiati su un tavolino imbottito, del male per stare con le ginocchia distese o le braccia giù.
Questa la vita di tante persone per anni, decenni, l'unica vita vissuta e da vivere; fuori, la vita del mondo, la vita degli altri. Forse una specie di imprinting che poi rende comprensibile, anche se inutile, il rifiuto di occuparsi del proprio corpo, del suo modo di muoversi e di essere, della sua capacità di calamitare gli sguardi e di allontanarli con la stessa velocissima alternanza.

Parole chiave:
Sessualità