Contro l'abbandono e la dispersione scolastica

01/01/2001 - Mariolina Addari

Tra i soggetti scolastici che, forse più di altri, abbandonano la scuola, spesso anche quella dell'obbligo, i portatori di handicap (non vedenti, cerebrolesi e paraplegici o con quozienti intellettivi ridotti) rappresentano certamente il gruppo più numeroso nonostante l'intervento di insegnanti di sostegno. È altresì noto che molti degli alunni normodotati abbandonano le scuole perché non hanno un progetto di vita, sono scarsamente motivati o ancor più perché sono privi di fiducia nelle loro capacità. Entrambi nella scuola si sentono emarginati. I primi soffrono per il loro handicap, si rendono cioè conto di essere diversi, di non essere in grado di partecipare a pari condizioni alla competizione scolastica. Allo stesso modo faticano gli altri, perché non hanno quel minimo di sicurezza e di fiducia nei propri mezzi che sono fondamentali per affermarsi nella scuola, ma anche nella vita.
Il progetto contro l'abbandono e la dispersione scolastica intende rivolgersi ai soggetti descritti nella premessa con un'azione coordinata e integrata con tutti gli altri soggetti.
Per realizzare quello che è il fine fondamentale della scuola, di educare nel senso più ampio e generale del termine, essa deve utilizzare tutti i mezzi per tirar fuori da ogni individuo che la frequenta quello che ognuno ha dentro di sé, le sue doti residue anche se limitate, per esaltare le capacità potenziali che gli permettano di operare praticamente nella vita sociale. Per una persona formata, sentirsi diverso non deve creare complessi di inferiorità, incapacità nell'agire o a rapportarsi con gli altri o tendenza a deviare, se l'individuo ha coscienza dei suoi limiti e fiducia nelle proprie capacità.
In linea teorica tutto ciò può sembrare facile. Sul piano concreto ed operativo le difficoltà della scelta delle azioni da intraprendere emergono in tutta la loro complessità.

Manifestazione Solidarsport

Ispirazione e punto di riferimento per quanto proponiamo è stata la manifestazione sportiva "Solidarsport" del Provveditorato agli Studi di Cagliari, ormai alla terza edizione, organizzata e gestita da un gruppo di lavoro di docenti di educazione fisica e di sostegno, che faranno parte dell'équipe che gestirà il progetto che si propone e che attende solo lo stanziamento dei fondi dalla Provincia di Cagliari.
La manifestazione "Solidarsport" è incentrata su un certo numero di gare, con regolamenti modificati per adattarli alle limitazioni imposte dalla partecipazione di atleti portatori di handicap che gareggiano in squadre miste con i loro compagni di classe. Mediamente, ogni anno, 900 ragazzi di cui 200 disabili partecipano alle differenti attività sportive adattate (atletica, nuer03.jpg[/IMG]
ɡ "" ǡ . .
ѡ . ɡ ѡ "" . "" ѡ .


[IMG]http://ar.chinabroadcast.cn/mmsource/images/2005/06/23/peper02.jpg[/IMG]
. . [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=red][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=red][COLOR=blue] [/COLOR] [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=red]
[IMG]http://ar.chinabroadcast.cn/mmsource/images/2005/06/23/peper07.jpg[/IMG][/COLOR][/SIZE][/CENTER]
[SIZE=4][COLOR=red][CENTER]
. .

[COLOR=blue] [/COLOR]

[IMG]http://ar.chinabroadcast.cn/mmsource/images/2005/06/23/peper05.jpg[/IMG][/CENTER]
[/COLOR][/SIZE][SIZE=4][COLOR=red][CENTER]
.

[IMG]http://ar.chinabroadcast.cn/mmsource/images/2005/06/23/peper06.jpg[/IMG]

. .
[/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=red][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=red][/COLOR][/SIZE] [/CENTER]
82.194.44.184:M MMiMi]F[CENTER][FONT=Arial][SIZE=5][COLOR=magenta][/COLOR][/SIZE][/FONT]
[FONT=Arial][SIZE=5][COLOR=magenta][B] ++!@> [/B][/COLOR][/SIZE][/FONT][/CENTER]193.188.98.157  ;M  Q "" " " ^FV [CENTER][SIZE=3][COLOR=#ff0000][B] "" " "

[SIZE=2] 7 2007 17 1428 [/SIZE]

20
"" " "

[/B][/COLOR][/SIZE][COLOR=#ff0000][/COLOR]

[SIZE=3][B][COLOR=#ff0000] - .[/COLOR]

[/B][/SIZE][SIZE=3][B][COLOR=blue] ɡ " " "" ǡ .

ɡ ǡ ǡ "" .

ɡ . ߡ ̡ " " .

ɡ ǡ ǡ "" .

"" ѡ 20 .

ǡ "" ǡ "" ϡ .[/COLOR][/B][/SIZE][/CENTER]
[SIZE=3][B][COLOR=#0000ff][/COLOR][/B][/SIZE]
[SIZE=3][B][COLOR=#0000ff][/COLOR][/B][/SIZE]
[SIZE=3][B]
[CENTER]
[/CENTER]
[/B][/SIZE]
82.194.44.184;M M
Bint NOT Bint0_F[CENTER][SIZE=4][COLOR=black] laugh. [/COLOR][/SIZE][/CENTER]

[CENTER][SIZE=4][COLOR=black] shhh [/COLOR][/SIZE][/CENTER]

[CENTER][SIZE=4][COLOR=black] ok3[/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=black][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=#000000] [/COLOR][/SIZE] _+: [/CENTER]
82.194.44.184X;M M
֍`F[CENTER][SIZE=3][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=3][COLOR=darkgreen][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=3][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=3][COLOR=darkgreen][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=3][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE][/CENTER]
82.194.44.184=;M M
֍paF[CENTER][SIZE=4][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=darkgreen][/COLOR][/SIZE]
[SIZE=4][COLOR=darkgreen] [/COLOR][/SIZE][/CENTER]
82.194.44.184
;M
֍) .. eFQ
[CENTER][B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] ..[/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] .. [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] . [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B][/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B][COLOR=red] ... :::[/COLOR] [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B][/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] .. ... .. . [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] ... ::: [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] ... .. [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] .. [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/FONT][/B]
[B][FONT=Arial][SIZE=3][COLOR=black][FONT=Arial][B] ... [/B][/FONT][/COLOR][/SIZE][/Fdeve iniziare dietro la linea del tiro da tre punti.
" Il canestro è valido solo se all'azione ha partecipato l'alunno in situazione di handicap (tocco di palla).
" Nel rimbalzo offensivo si può tirare subito a canestro, in quello difensivo l'azione va ripresa.
" I cambi sono liberi, ma in campo deve essere sempre presente un alunno in situazione di handicap.


La Commissione "Solidarsport" ha già nei suoi programmi lo studio dell'adattamento della disciplina "pallatamburello" per inserirla nel programma del prossimo anno scolastico.

Parole chiave:
Sport